Ven, 18 Settembre 2015, 0:00

Alzheimer, per non dimenticare chi dimentica

Iniziative di solidarietà, teatro e un convegno a tema tra le iniziative in programma il 19 e il 20 settembre a Sannicola. Special guest l’attrice Daniela Poggi, autrice del monologo Io, madre di mia madre

 

Tra le malattie degenerative invalidanti l’Alzheimer è tra le più subdole, in quanto colpisce le persone in età avanzata, privandole dei propri ricordi e stravolgendo radicalmente la loro vita e quella dei loro familiari, che spesso fanno fatica ad assistere in maniera opportuna i propri cari. É giusto dunque che se ne parli, che la collettività e le istituzioni vengano sensibilizzate in modo tale da affrontare le problematiche nei modi più opportuni. Ecco che in occasione della XXII Giornata Mondiale dell’Alzheimer (che ricorre il 21 settembre) a Sannicola si terranno, sabato 19 e domenica 20, una serie di eventi resi possibili grazie alla sinergia tra l’associazione “Salento Alzheimer”, l’Amministrazione comunale di Sannicola e la Provincia di Lecce. 

Maria Rosaria Toscano, presidentessa dell’associazione di volontariato con sede a Casarano, afferma come “negli ospedali ci sia poca disponibilità per gli ammalati di Alzheimer, in quanto mancano le corsie preferenziali e l’assistenza è minima, quasi nulla. Ho potuto verificare di persona come non sempre medici e infermieri siano molto preparati. Il 90% del lavoro è sostenuto dalle famiglie, che non sempre hanno le risorse e le energie per affrontare tutte le problematiche. In genere è preferibile che il malato viva a contatto con i propri cari ma quando questi ultimi non possono farsi carico è necessario che venga istituzionalizzato. Purtroppo i centri privati sono molto pochi rispetto al numero di pazienti”. 

Il programma delle due giornate è denso e ben articolato: la mattina del 19 nelle principali piazze dei vari comuni Salentini sarà dedicata alla distribuzione dei ciclamini in fiore nell’ambito dell’iniziativa “Per non dimenticare chi dimentica” a sostegno dell’associazione “Salento Alzheimer”. Nell’occasione verrà distribuita la guida Gestione globale del paziente con malattia di Alzheimer a cura della dottoressa Antonella Vasquez, neurologa coordinatrice per il Centro delle Demenze dell’ospedale di Casarano. Alle 19 vi sarà la Santa Messa in memoria dei defunti malati di Alzheimer e dei benefattori presso la Parrocchia Santa Maria delle Grazie, celebrata dal vescovo Fernando Filograna. A seguire, presso la gradinata della Parrocchia della Madonna delle Grazie, seguirà la rappresentazione teatrale a cura dell’attore Massimo Giordano nelle vesti di Papa Galeazzo. Vita, morte e miracoli di Giovanni delle Donne, per la regia di Matteo Tarasco. 

Sabato 20 settembre alle 18 presso la Sala Polifunzionale del Comune di Sannicola si potrà assistere al Convegno informativo in cui interverranno la nota attrice cinematografica e teatrale Daniela Poggi (nella foto), il sindaco Cosimo Piccione, il direttore del Distretto Sanitario di Gallipoli Roberto Vergaro, la dottoressa Vasquez e altre importanti ospiti. Infine dalle 21 presso il Gallipoli Resort Hotel è prevista una cena di beneficenza. 

Maria Rosaria Toscano è entusiasta per il sostegno e la partecipazione dell’attrice Daniela Poggi all’iniziativa: “Daniela non si è presentata solo come personaggio pubblico, ma soprattutto come una persona che ha vissuto in prima persona la malattia nella sua famiglia. È autrice di un monologo teatrale dal titolo Io, madre di mia madre, nel quale racconta la sua esperienza con la madre malata di Alzheimer ed è da ammirare il fatto che non abbia voluto affidarla ad un centro ma abbia deciso di trascorrere insieme a lei gli ultimi anni della sua vita. Come afferma la stessa attrice, il farmaco che fa bene ai malati è a costo zero e si chiama amore”. 

 

Nel Salento sono 8mila gli over 65 vittime della malattia

 

L’incidenza del morbo di Alzheimer sulla popolazione è sempre più alta: in Italia si stima che in genere la demenza colpisca un milione e 200mila persone e di queste circa 700mila hanno l’Alzheimer. In particolare, secondo i dati di “Alzheimer Italia” relativi al 2013, in Puglia le persone affette dalla sindrome sono circa 40mila, di cui 8mila vivono in provincia di Lecce. 

Dal “Piano regionale della salute” si legge inoltre come la Puglia abbia un numero di pazienti affetti da Alzheimer/demenze senili pari a quello medio dell’Italia Meridionale e leggermente superiore a quello medio nazionale. Il suddetto Piano si pone interessanti obiettivi, come la realizzazione da parte degli enti locali di iniziative culturali e di svago, oppure la presenza di un ambulatorio di neurologia in ciascun distretto ed anche l’incremento di specialisti in psichiatria come per la depressione e ansietà cronica. 

Tutte utili iniziative atte a controllare il preoccupante fenomeno, le cui conseguenze gravano però ancora sulle spalle dei familiari dei pazienti in quanto il sistema dei servizi sul territorio è ancora troppo frammentato e manca una rete di supporto realmente efficace. 

 

Gian Piero Personè