Grande festa a Tuglie per la Madonna del Carmine

Come ogni anno, il mese di luglio è per la città un’occasione di gioia perché si svolge la festa in onore della Madonna del Carmine. Pur non essendo quella patronale, sono migliaia le persone che giungono in paese per partecipare ai solenni festeggiamenti. La festa inizierà giovedì 16 luglio, quando in mattinata per le strade della città si esibisce il gruppo bandistico, mentre si inaugura il Mercatino delle Carmelitane.
Clou degli eventi religiosi è la solenne Processione degli Angeli, che muoverà i primi passi alle 21 da via Termini per arrivare in via Trieste, in attesa dell’uscita trionfale della statua della Madonna. Cara a tutto il Salento, la Processione degli Angeli è entrata a pieno titolo in una delle tradizione più belle ed antiche da tramandare. In passato, alla Vergine, si faceva ricorso per avere un miracolo e se lo si otteneva si facevano indossare ai bambini i panni con cui la Madonna era rappresentata. Ora questa tradizione continua: la Processione  degli Angeli è particolarmente suggestiva perché, oltre alla marea di gente che vi prende parte, la particolarità che essa offre sono le centinaia di bambini vestiti di angioletti con abiti dai colori sgargianti e corone ed ali, realizzate dai devoti di Contrada Termini e dal Comitato Festa che da anni portano avanti questa splendida tradizione. I bambini-angioletti accompagnano la statua della Madonna, impreziosita di gioielli e corone d’oro, insieme alle associazioni civili e religiose, per le strade della città addobbate dalle tradizionali luminarie che rendono ancora più suggestivo lo scenario. Al termine della processione, la statua della Madonna è accolta dal Canto dell’Ave Maria e da un grandioso spettacolo pirotecnico, mentre la gente accoglie dai balconi il passaggio della statua, con il lancio di migliaia di biglietti votivi colorati.
La serata continua in Largo Fiera con la banda “Città di Taviano” che animerà la giornata di venerdì 17, mentre la festa si concluderà alle 22 con la musica popolare salentina del gruppo degli Alla Bua. La festa rappresenta l’occasione per immergersi nell’atmosfera festaiola garantita dalle bancarelle, in particolare quelle dei prodotti tipici salentini come “la cupeta”, “le nucceddhre” e “la scapece”.

 

Gianpiero Pisanello