Al via il nuovo City Terminal

Dopo tre anni di attesa, entra in funzione la stazione per bus e pullman turistici. Il sindaco Perrone: “Ritardi dovuti al finanziamento”, Pankiewicz replica: “Era ora” 
 
Tre anni d’attese sì, ma il City Terminal di Lecce è finalmente arrivato. Voluto da tutti, cittadini e turisti, sindaco compreso che nel giorno dell’inaugurazione ha motivato con il tempo necessario ad attivare un finanziamento di 180mila euro con la Cassa Depositi e Presiti, i continui slittamenti. Iter rallentato, poi, dal tempo necessario alla pubblicazione del bando di gara, all’assegnazione dell’appalto e infine all’ultimazione dei lavori. Insomma, dopo tre anni, il servizio è bello e pronto, a disposizione di tutti i visitatori in arrivo in città. 
Situato in piazza Carmelo Bene (ex Foro Boario) il punto di fermata e ristoro si presenta bene: 12 bagni più uno destinato ai diversamente abili, una nursery per mamme che hanno bisogno di accudire il proprio bimbo e, ancora, un locale per il primo soccorso. “Tutto il necessario per una città turistica come Lecce e per chi la raggiunge -ha commentato il sindaco di Lecce, Paolo Perrone-. Siamo lieti di poter offrire nella nostra città un servizio come questo”. Nel City Terminal, anche hostess pronte a soddisfare le richieste e le informazioni. Un numero verde, poi, è a disposizione degli autisti che, prenotando una  navetta ad hoc, possono organizzare il trasporto dei turisti fino al Castello Carlo V. 
Presenti al taglio del nastro, oltre al primo cittadino, anche l’arcivescovo di Lecce, monsignor Domenico D’Ambrosio, e numerosi amministratori comunali e provinciali. La funzionalità del City sta tutta nel concentrare l’arrivo dei pullman in un luogo, onde evitare di congestionare il traffico cittadino, già di per sé problematico. Sull’inaugurazione, arriva la nota polemica del consigliere Wojtek Pankiewicz: “Il sindaco Perrone -afferma il consigliere comunale del Centro Moderato-Partito della Nazione- ci regala un’altra emozione. A pochi giorni di distanza dall’inaugurazione dei vespasiani pubblici-privati di via Libertini, ecco l’inaugurazione del City Terminal. Lecce, dal 2008, ha la vergogna di essere l’unico capoluogo d’Italia ad avere un terminal dei bus senza una stazione dotata di una piccolo tettoia per ripararsi dal sole o dalle intemperie, un piccolo bar per ristorarsi e qualche bagnetto per fare i bisognini. Dopo anni, sembra che tale struttura entri finalmente in funzione”.
 
Barbara Politi