Una raccolta firme per dire no alla discarica di Cavallino

È iniziata domenica 24 maggio la raccolta firme promossa da “Sveglia Cittadina” e “La Scìsciula” e Forum Ambiente e Salute del Salento. I rappresentanti delle suddette associazioni denunciano l’intenzione di realizzare in agro di Cavallino un nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti sotto le mentite spoglie di un “riammodernamento” dell’impianto già esistente (nella foto), un progetto votato a maggioranza il 6 marzo scorso dall’Assemblea dei Sindaci ATO della provincia di Lecce. 

I cittadini di San Donato, San Cesario, Lizzanello, Cavallino e Caprarica di Lecce, esasperati da più di 15 anni di odori nauseabondi, hanno perciò costituito un Comitato intercomunale e avviato una raccolta firme per chiedere l’immediata revoca e bocciatura del progetto. Il neocostituito Comitato punta inoltre il dito contro l’attuale impiantistica per il trattamento dei rifiuti che, a detta loro, mina inesorabilmente la salute dei cittadini e compromette la salubrità dei territori. “Gli esempi di come invertire la rotta -concludono dal Comitato- sono le esperienze virtuose dei Comuni di Galatina e Corigliano d’Otranto, tra i primi ad avviare una gestione razionale e tracciabile, promuovendo e potenziando l’ottima pratica del compostaggio domestico”.