Ven, 15 Luglio 2011, 0:00

“Si faccia chiarezza sul futuro del nuovo ospedale comprensoriale”

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

In una lettera aperta al presidente della Regione Puglia Nichi Vendola all’assessore regionale alla Sanità Tommaso Fiore, il sindaco Antonio Fitto chiede di sapere se il territorio di Maglie possa essere sede idonea per la realizzazione del nosocomio 
 
Da un manifesto apparso sui muri della mia Città, firmato dalle minoranze consiliari (Pd, Udc, Io Sud, Per cambiare Maglie) ho appreso insieme ai miei concittadini che la Regione Puglia ha individuato il sito già indicato da questa Amministrazione, collocato sulla S.S. 16  Maglie-Otranto -denominato Conca Marau- quale luogo idoneo per la costruzione del nuovo Presidio ospedaliero dell’Area Adriatica.
Chiedo, pertanto, alle SS.LL. conferma di tale scelta, che indubbiamente premia l’operato dell’Amministrazione che mi onoro di rappresentare. Infatti, proprio questa Giunta municipale aveva già individuato l’area con deliberazione n. 198/2010. Sarebbe anche auspicabile che la Regione facesse conoscere allo scrivente i tempi e le circostanze in cui la decisione è stata assunta, avendo cura di trasmettere ogni atto che possa documentarla, nonché i verbali delle riunioni attraverso le quali si è giunti all’individuazione del sito, anche ribadendo l’idoneità dello stesso che, peraltro, presenta tutti i requisiti indicati dalla Regione Puglia; ciò anche al fine di attivare ogni utile iniziativa per l’acquisizione di quell’area, a fronte della disponibilità espressa dai proprietari  della stessa. 
Se, invece, contrariamente alle notizie diffuse dalla minoranza, la Giunta regionale non avesse ancora assunto una decisione il tal senso, risulterebbe estremamente utile che lo scrivente partecipasse ai tavoli tecnici ed agli incontri che avranno luogo, soprattutto per argomentare sulle motivazioni che rendono il sito di Conca Marau ideale per l’edificazione della struttura sanitaria. Infatti, questa Amministrazione ha in animo di portare a termine importanti realizzazioni in quell’area che ben si coniugherebbero con l’esistenza di un presidio ospedaliero. 
Contestualmente -e come già richiesto con deliberazione di questa Giunta municipale, n. 130 del 7 giugno 2011- vorrei altresì conoscere i tempi di attivazione della Casa della Salute, prevista con Regolamento regionale n. 18 del 16 dicembre 2010 “Approvazione piano di riconversione dello stabilimento ospedaliero di Maglie in Presidio territoriale di Salute secondo il modello di Casa della salute”, approvato con Deliberazione del Commissario straordinario Asl Lecce n. 1.108 del 28 giugno 2011.
Tanto in considerazione del fatto che l’attivazione di tale struttura, indispensabile  per il territorio,  sarebbe dovuta avvenire contestualmente alla disattivazione dello stabilimento ospedaliero di Maglie, prevista entro l’ormai imminente data del 15 luglio.
Confermo, inoltre -come peraltro già previsto nella delibera di questa Giunta municipale innanzi citata- la necessità di procedere al riequilibrio dei posti letto riservati alla popolazione residente nella fascia adriatica, che al momento risulta fortemente penalizzata anche dall’ormai cronica carenza di personale e di strumentazioni diagnostiche e di cura, nonché di presidi medici nell’unico ospedale attualmente in attività.
In attesa di un cortese riscontro che ritengo indispensabile rendere pubblico per chiarire alla cittadinanza lo stato dei fatti a fronte di un clima di apprensione che si è  determinato anche a  causa delle ultime notizie di stampa relative ad alcuni casi di malasanità, verificatisi in provincia di Lecce e che, come le SS.LL. ben comprendono, hanno destato forti preoccupazioni.
Distinti saluti.
 
Antonio Fitto 
Sindaco di Maglie