Dopo elezioni, Io Sud si spacca

Il coordinatore Rizzello, accusa i “suoi” consiglieri Fersino, D’Aquino, Legittimo e Bello di “ambiguità” politica. I quattro si dimettono da Io sud e costituiscono il gruppo Liber@città 

 

Le elezioni per il rinnovo del consiglio regionale hanno lasciato in eredità alla città una mare di polemiche. La tornata del 28 e 29 marzo non solo ha fatto rimandare l’evento del “ritorno” nell’assise di viale Capruzzi di un rappresentante della politica locale, ma ha anche letteralmente “spaccato” in due il movimento Io Sud.

Il responsabile cittadino nonché componente dell’esecutivo provinciale e candidato alle regionali Fernando Rizzello, in tempo di analisi del voto ha giudicato “un buon risultato” il consenso ottenuto dal suo movimento, ma non ha mancato di affondare la stoccata “per il mancato sostegno ricevuto da chi siede in Giunta ed in Consiglio comunale”. Pur senza mai citare i loro nomi, Rizzello se l’è presa con la vicesindaco Francesca Fersino e con gli altri tre consiglieri comunali in quota Io Sud: Emanuele Legittimo, Massimo D’Aquino ed Aurelio Bello, rei, sempre secondo Rizzello, di  aver assunto nella contesa elettorale “posizioni ambigue e controproducenti”. Pronta la replica del gruppo consiliare di Io Sud. Fersino, Legittimo, D’Aquino e Bello hanno “abbandonato” (con annesse dimissioni) il movimento della Poli Bortone ed hanno costituito in consiglio il gruppo Liber@città. Confermando, nel contempo, il loro “sostegno determinato e convinto alle linee programmatiche del sindaco De Masi ed alla sua azione di governo per il miglioramento della città”.
“In considerazione dell’imminente appuntamento elettorale e da persone responsabili quali siamo -scrivono i quattro in una nota- non manifestammo alcuna opposizione lasciando a Rizzello una ulteriore possibilità. Ma il disinteresse verso l’azione politica di Rizzello è stato tale che solo a lui può essere addebitato il risultato elettorale conseguito alle ultime elezioni regionali e non certo addebitato, così come sostenuto dal responsabile cittadino di Io Sud, a chi siede in Giunta e in consiglio comunale. Ribadiamo, inoltre -concludono Fersino, Legittimo, D’Aquino e Bello- di non aver mai ostacolato alcuna iniziativa politica anzi, siamo stati a disposizione del signor Rizzello, qualora avesse proposto di svolgerne qualcuna, ma non abbiamo mai ricevuto indicazioni in tal senso”.
 
Daniele Greco