Arriva lo Street control ed è caccia ai furbetti

Il nuovo sistema di vigilanza in grado di verificare e sanzionare in tempo reale le infrazioni stradali è in dotazione alla Polizia Municipale, che l’ha inaugurato l’8 febbraio scorso

 

Tecnologia e dispositivi automatici per “stanare” gli automobilisti indisciplinati. È l’obiettivo dello Street control, sistema di cui si è appena dotato il Comando di Polizia Municipale grazie al quale si potranno verificare e sanzionare in tempo reale comportamenti e abitudini di chi non rispetta le regole della circolazione stradale. La rilevazione delle violazioni si adatta così ai tempi e il supporto della tecnologia diventa cruciale anche per una “semplice” multa.

Ma in cosa consiste, di preciso, lo Street control? Si tratta di videocamere installate sulle auto di servizio e collegate a un terminale che, attraverso l’identificazione della targa, fornisce agli operatori di polizia municipale, coordinati dal comandante Antonio Orefice, informazioni importanti quali mancanza di copertura assicurativa, revisione periodica del veicolo, sosta non regolare e contestuale verifica di eventuale provenienza illecita dei veicoli stessi. Dettaglio interessante, quest’ultimo, che potrebbe permettere di risalire a responsabili di furti di auto. 

Ottimi i risultati fin qui ottenuti dallo Street control nelle città in cui il servizio è attivo da tempo: a Lecce in particolare in un solo mese sono state comminate ben trecento multe. Risultati lusinghieri se si pensa al duplice obiettivo: educare al rispetto delle norme stradali e “fare cassa”. Proprio su questo tema c’è chi polemizza, non sono pochi infatti gli automobilisti che ritengono lo Street control semplicemente uno strumento per aumentare a dismisura gli incassi dei Comuni tramite le cosiddette “multe a strascico”. Intanto il servizio è stato attivato l’8 febbraio e sembra inevitabile la sua prosecuzione. 

 

Stefano Manca