Sei in: Home » Io proprio Io » Maurizio Pellizzari

Maurizio Pellizzari

Maurizio Pellizzari

Musicista salentino, si avvicina alla chitarra grazie a una tradizione di famiglia che lo porta ad approfondire la ricerca su altri strumenti a corda, come il saz di provenienza mediorientale e la kora di origini centro africane. La passione per il mondo degli strumenti elettronici lo conduce anche allo studio del theremin. Collabora con diverse realtà ed esponenti del mondo del teatro, tra cui Mario Perrotta (Premio UBU), e del cinema nazionale contribuendo alla realizzazione delle colonne sonore, come l’ultimo film di Checco Zalone, Tolo tolo. L’amore per la World Music si intensifica quando entra a far parte della Bandadriatica, con cui calca i palchi dei più importanti festival internazionali, mentre l’incontro con Antonio Castrignanò e Taranta Sounds produce una forte attrazione per il repertorio tradizionale salentino, intriso di sperimentazione e ricerca. Con il gruppo Kerkim ripercorre un viaggio tra le musiche del Mediterraneo, costruendo connessioni e punti d’incontro tra luoghi lontani. Coopera alla gestione del Bazù Centro Studi Musicali di Giuggianello con il fratello e collega musicista Francesco Pellizzari.



Il tratto principale del tuo carattere. 

Sono un sognatore. 

Il tuo principale difetto. 

La pigrizia.

La qualità che preferisci in una donna?   

La forza con la quale esprime i propri sentimenti.

E in un uomo?    

Quando sa esprimere i propri sentimenti.

Cosa ci vuole per esserti amico?    

Un Pastis. 

Cos’è la felicità? 

Sentirsi nel posto giusto al momento giusto. 

L’ultima volta che hai pianto?

Circa un mese fa, ascoltando un brano composto da un caro amico.

Di cosa hai paura?  

Di restare al buio in mezzo all’Oceano.

Canzone che canti sotto la doccia?  

Qualcosa di breve e inventato al momento, l’acqua è un bene prezioso.

Musicisti o cantanti preferiti? 

Hendrix, Zappa, Ben Harper, Ali Farka Tourè, De André e tutti i musicisti con cui ho la fortuna di suonare. 

Poeti preferiti?    

Neruda, Carducci, Verlaine, Salvatore Toma. 

Autori preferiti in prosa? 

Pirandello, Pasolini, Allende, Terzani. 

Libri preferiti. 

I diari della motocicletta, Il profumo, Un altro giro di giostra, Psicomagia.

Attori e attrici preferiti.   

Monica Vitti, Gian Maria Volontè, Di Caprio, Salma Hejek.

Chi potrebbe interpretarti sul grande schermo?   

Vorrei Elio Germano, ma temo sia Benigni.

Film preferiti. 

Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, La vita di P, la serie Black Mirror.

I tuoi pittori preferiti. 

Dalì, Gaugain, Caravaggio, Olbinski.

Il colore che preferisci.    

Il blu di Punta Palascìa. 

Se fossi un animale, saresti?  

In aria un falco pellegrino, in terra un lupo, in acqua un cetaceo.

Cosa sognavi di fare da grande? 

Il pilota aerospaziale.

L’incontro che ti ha cambiato la vita? 

Con i miei nipoti. 

La persona a cui chiederesti consiglio in un momento difficile?   

Il mio amico Simone.

Quel che detesti più di tutto.    

L’omofobia e il razzismo patinato.

Quanto tempo dedichi alla cura del tuo corpo? 

Il tempo di un bagno al mare.

Piatto preferito.   

Pizza variabile.

Il profumo preferito. 

Fiori d’arancio. 

Il fiore che ami. 

Margherita selvatica. 

La tua stagione preferita?    

La primavera che incontra l’estate. 

Il paese dove vorresti vivere? 

Salvador de Bahia. 

In quale epoca ti sarebbe piaciuto vivere? 

Grecia antica o tardo Rinascimento.

Personaggi storici che ammiri di più.   

Mandela, Gandhi, Giovanna d’Arco, Gramsci.

Personaggi storici detestati.    

I ricorsi storici continuano a proporci personaggi molto pericolosi. 

Cosa faresti per sostenere ciò in cui credi? 

Mi amerei di più. 

Chi è il tuo eroe vivente? 

Mio padre e mia madre.

Il tuo sogno ad occhi aperti?    

7 miliardi di persone felici. 

Il tuo rimpianto più grande? 

Quei tanti “grazie” mai detti.

Cos’è l’amore? 

L’antidoto 

Stato attuale del tuo animo.  

Quando? Adesso?... O adesso?

Il tuo motto.    

“La vita è ‘n attimo”.

Come vorresti morire? 

Come in un vecchio Western.  

 

Claudia Mangione - foto di Alberto Caroppo 


Maurizio Pellizzari L'intervista della settimana
Maurizio Pellizzari

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising