Sei in: Home » Io proprio Io » Vince Abbracciante

Vince Abbracciante

 Vince Abbracciante

“Stella nascente della fisarmonica in Italia, dotato di una tecnica notevole, un senso profondo del blues e dello swing. Padroneggia la fisarmonica come pochi e suona con talento qualsiasi genere musicale” (Dizionario del jazz italiano, 2014), nasce ad Ostuni nel 1983. Figlio d’arte in una famiglia di fisarmonicisti, intraprende giovanissimo gli studi musicali con suo padre. Si diploma in musica jazz e in fisarmonica classica presso il Conservatorio “N. Rota” di Monopoli e il Conservatorio “E.R. Duni” di Matera. Si e? esibito in tutto il mondo in festival e jazz club prestigiosi a fianco di musicisti di spicco, tra cui Lucio Dalla, Ornella Vanoni, Javier Girotto, Gabriele Mirabassi, Fabrizio Bosso, Peppe Servillo, John Medeski, Flavio Boltro, Richard Galliano che di lui ha detto: “Chi più mi ha impressionato e? un giovane italiano, originario della Puglia: si chiama Vincenzo Abbracciante. In ogni brano mi ha imbarcato in una storia e commosso” (Jazzman, 2005). 



Il tratto principale del tuo carattere.

Sono una persona molto positiva e mi piacciono le sfide.

Il tuo principale difetto. 

Al di fuori della sfera musicale pecco di concentrazione.

La qualità che preferisci in una donna?

Lo sguardo, il modo di guardarmi.

E in un uomo?  

La saggezza.

Cosa ci vuole per esserti amico?  

Dolcezza e lealtà.

Cos’è la felicità?

È uno stato dell’Essere meraviglioso, che può essere ricercato fin dalle piccole cose.

L’ultima volta che hai pianto?

Qualche giorno fa, mentre ascoltavo un brano.

Di cosa hai paura? 

Di salire su un palco e non riuscire più ad emozionare il pubblico. 

Canzone che canti sotto la doccia?  

Non canto (sono stonato!), ascolto.

Musicisti o cantanti preferiti? 

John Coltrane, Miles Davis, Milton Nascimento, Egberto Gismonti.

Poeti preferiti?  

Jorge Luis Borges, Alda Merini, Pablo Neruda, Federico Garcia Lorca.

Autori preferiti in prosa? 

Jodorowsky, Kerouac, Pirandello.

Libri preferiti. 

Autobiografia di Miles Davis, Blue Trane, Peggio di un bastardo, I Ching.

Attori e attrici preferiti. 

Marcello Mastroianni, Alberto Sordi, Marlon Brando, Totò.

Chi potrebbe interpretarti sul grande schermo?    

Mi divertirebbe molto vedere Fabio De Luigi nei miei panni.

Film preferiti.

Ultimo tango a Parigi, Frankestein Junior, C’era una volta in America, L’esorcista.

I tuoi pittori preferiti.

Picasso, Leonardo da Vinci, Andy Warhol.

Il colore che preferisci.

Rosso.

Se fossi un animale, saresti?

Araba fenice.

Cosa sognavi di fare da grande?

Esattamente quello che faccio, fare musica.

L’incontro che ti ha cambiato la vita?

Carlo Borsini, della ditta di fisarmoniche Borsini di Castelfidardo.

La persona a cui chiederesti consiglio in un momento difficile?

Mio padre.

Quel che detesti più di tutto.

La capacità di autodistruzione dell’essere umano.

Quanto tempo dedichi alla cura del tuo corpo?

Purtroppo nulla, ma inizio a pensarci.

Piatto preferito.

Orecchiette al ragù.

Il profumo preferito.

Terre d’Hermès.

Il fiore che ami.

Il papavero, perché mi ricorda che la stagione calda sta arrivando.

La tua stagione preferita?

L’estate.

Il paese dove vorresti vivere?

Esattamente dove vivo ora, in campagna.

In quale epoca ti sarebbe piaciuto vivere?

Gli anni ‘60.

Personaggi storici che ammiri di più.

Tutti quei personaggi che hanno fatto del bene all’umanità.

Personaggi storici detestati.

Tutti quelli che hanno fatto del male all’umanità.

Cosa faresti per sostenere ciò in cui credi?

Avere la massima onestà intellettuale. 

Chi è il tuo eroe vivente? 

Hermeto Pascoal.

Il tuo sogno ad occhi aperti?

Sogno sempre che la gente abbia una maggiore curiosità su ciò che ci circonda, in tutti i campi.

Il tuo rimpianto più grande?

Non ho grandi rimpianti, in generale desidererei avere più tempo da dedicare alla musica e meno tempo da perdere in faccende burocratiche.

Cos’è l’amore?

È un sentimento capace di legarti ad una cosa o ad una persona in maniera insolubile.

Stato attuale del tuo animo.

Sereno e in continua ricerca.

Il tuo motto.

“Aviss studiat”.

Come vorresti morire?

Sono troppo impegnato a vivere, non ci penso. 

 

Claudia Mangione - foto di Carlo Maradei 


 Vince Abbracciante L'intervista della settimana
Vince Abbracciante

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising