Sei in: Home » Io proprio Io » Cristiano Militello

Cristiano Militello

Cristiano Militello

Autore, attore, cabarettista, conduttore e speaker radiofonico, volto noto di Striscia la Notizia, è nato a Pisa il 10 agosto 1968. Si è diplomato alla Scuola di Teatro di Bologna “A. Galante Garrone” e laureato in Scienze Politiche a Firenze con tesi sul cabaret come tecnica di satira politica. Entra a far parte del gruppo di comici della trasmissione “Vernice Fresca”, capitanata da Carlo Conti e con loro fa una massiccia gavetta tra piazze e locali. Intensa è pure la sua attività come attore in teatro e nel cinema (Palermo-Milano sola andata, La mia vita a stelle e strisce, Il paradiso all’improvviso, L’allenatore nel pallone 2, Box Office 3D) e in tv a diverse fiction, tra cui Carabinieri e Papa Giovanni, anche come autore (44esima edizione dello Zecchino d’oro, Buon Natale a tutto il mondo, Amici miei). Nel 2004 raccoglie nel libro Giulietta è 'na zoccola gli striscioni più divertenti degli stadi italiani: il successo del libro attira l’attenzione di Antonio Ricci, che gli propone di condurre “Striscia lo Striscione”, rubrica che da anni è il momento più visto della tv italiana. Nel 2018 pubblica Cartelli d’Italia - (presa in) Giro d'Italia in 1000 cartelli (BaldiniCastoldi), che ha di recente presentato a Vignacastrisi nella rassegna “Incontri d’Autore”.  



Il tratto principale del tuo carattere.

Troppo buono.

Il tuo principale difetto.

Troppo buono.

La qualità che preferisci in una donna?

Onestà. 

E in un uomo?  

Gentilezza. 

Cosa ci vuole per esserti amico?  

Lealtà.   

Cos’è la felicità?

L’armonia di una famiglia unita. 

L’ultima volta che hai pianto?

Stamattina.

Di cosa hai paura?

Della fine prima di aver esaurito i progetti. 

Canzone che canti sotto la doccia?  

Canticchio motivetti, quasi mai canzoni vere e proprie. 

Musicisti o cantanti preferiti? 

Massive Attack, Tears for Fears, Incognito, Genesis. 

Poeti preferiti? 

Neruda tra i classici e poi tutti gli anonimi estensori delle scritte più belle sui muri.

Autori preferiti in prosa?  

Goldoni, Ugo Chiti, Pirandello, Neil Simon.

Libri preferiti. 

Le Braci di Sándor Márai, Open di Andre Agassi, la Trilogia di Stieg Larsson, Patria di Enrico Deaglio.

Attori e attrici preferiti. 

De Niro, Pacino, John Malkovich, Morgan Freeman. 

Chi potrebbe interpretarti sul grande schermo? 

Mio figlio, e l’ha già fatto! 

Film preferiti. 

C’era una volta in America, Fantozzi, Amici miei, Forrest Gump

I tuoi pittori preferiti.

Magritte, Klimt, Van Gogh, Caravaggio. 

Il colore che preferisci.

Azzurro. 

Se fossi un animale, saresti? 

Grillo.

Cosa sognavi di fare da grande?

Questo.

L’incontro che ti ha cambiato la vita?

Gigi Proietti a 15 anni. 

La persona a cui chiederesti consiglio in un momento difficile?

Il mio amico Andrea.

Quel che detesti più di tutto.

Prepotenza e l’egoismo. 

Quanto tempo dedichi alla cura del tuo corpo? 

Un po’ meno del giusto. 

Piatto preferito. 

Carbonara fatta bene e crème caramel.

Il profumo preferito.

Ultraviolet. 

Il fiore che ami.

Margherita.  

La tua stagione preferita? 

Estate. 

Il paese dove vorresti vivere?

Scozia.

In quale epoca ti sarebbe piaciuto vivere?

Vent’anni prima rispetto a quando sono nato. 

Personaggi storici che ammiri di più. 

Gli esploratori. 

Personaggi storici detestati. 

I dittatori. 

Cosa faresti per sostenere ciò in cui credi? 

Ciò che faccio già, ci metto la faccia.

Chi è il tuo eroe vivente? 

Mia sorella. 

Il tuo sogno ad occhi aperti? 

Le risate di Anna e Filippo. 

Il tuo rimpianto più grande? 

Avete troppo poco spazio per questa risposta. 

Cos’è l’amore?  

Donarsi senza calcoli. 

Stato attuale del tuo animo.

Molto mosso.

Il tuo motto.

“Non v’è genio senza mestiere”, ma non è mio, è di Chaplin.

Come vorresti morire?

Vivo. 

 

Claudia Mangione 


Cristiano Militello L'intervista della settimana
Cristiano Militello

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising