Sei in: Home » Editoriale » Romanzo impopolare

Romanzo impopolare

La richiesta di arresto per l’ex assessore al Traffico del Comune di Lecce Luca Pasqualini e altre tre persone fa capire come stia proseguendo senza sosta l’inchiesta della Guardia di Finanza sull’assegnazione di case popolari in cambio di voti. D’altronde, non potrebbe essere altrimenti visto che due settimane fa sul capoluogo si è abbattuto un vero e proprio tsunami, con molti nomi eccellenti coinvolti. 

In molti adesso sono a ripetere che 6 anni fa “tutti sapevano e a tutti andava bene”. A tanti, forse, ma non a tutti: a quelli in posizione favorevole nella graduatoria, ma esclusi di fatto dalle assegnazioni di alloggi popolari di certo non garbava, come anche a coloro ai quali l’alloggio popolare era stata assegnato, ma avevano dovuto lasciarlo sotto la pressione di minacce da parte della criminalità organizzata, agevolata in questo da amministratori e funzionari comunali dalla dubbia moralità. Vi ricordate di Giuseppe Fiorentino, il clochard 66enne trovato morto nell’agosto 2016 in un rustico abbandonato alla fine di viale Taranto a Lecce? Ebbene, lui si era rivolto ai Carabinieri per denunciare le violenze subite al fine di obbligarlo ad abbandonare il suo appartamento in via Pistoia: adesso dalle intercettazioni telefoniche è saltato fuori chi voleva “sfrattarlo”. 

Adesso davvero tutti, non solo i diretti interessati e i loro amici, sanno quello che succedeva. E se qualcuno pensa che “tanto il sistema funziona così e non ci possiamo fare niente”, beh, si sbaglia. Giuseppe Fiorentino e tutti coloro che hanno subito ingiustamente dei soprusi meritano giustizia.  

 

Andrea Colella 


Rachele Andrioli L'intervista della settimana
Rachele Andrioli

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising