Sei in: Home»Comuni»Lecce

Turisti tra luci e ombre

[06/04/2018] LECCE

Turisti tra luci e ombre

Positivo il bilancio del week-end di Pasqua, con buone aspettative per il 25 aprile e il 1° maggio. Ma le mura urbiche e Complesso degli Agostiniani sono ancora off limits

 

Il bel tempo di Pasqua e Pasquetta ha fatto registrare il tutto esaurito nelle principali località salentine, Lecce in primis. Numeri confortanti e in incremento, da quello che è merso dalle prime analisi delle associazioni di categoria, anche in prospettiva futura con il 25 aprile e il 1° maggio alle porte, che attestano un trend positivo dei flussi turistici nel Salento. Una risorsa quella del turismo che, con l’aggiunta determinante del buon cibo, è da sempre la forza del Salento ma che necessita ancora, secondo molti addetti ai lavori, di una migliore organizzazione e programmazione (si veda a riguardo la vicenda degli orari di apertura e chiusura delle chiese in città). 

Il vicesindaco Alessandro Delli Noci è recentemente intervenuto in merito alla non fruibilità delle mura urbiche e del Complesso degli Agostiniani: “I lavori di recupero delle mura urbiche si sono articolati in due lotti: quando, il 1° giugno del 2017, l'opera fu presentata alla stampa erano conclusi in parte solo i lavori di restauro del primo lotto. Il secondo lotto era ancora tutto da completare e sarà ultimato il prossimo luglio. Per quanto riguarda il Complesso degli Agostiniani -continua Delli Noci-, inaugurato il 25 maggio 2017, al momento dell'inaugurazione i lavori non erano finiti (mancavano ad esempio le opere di impiantistica e i riscaldamenti). Oggi sono in corso proprio queste opere di completamento, che saranno portate a termine entro 60 giorni. Ci sarà poi il necessario passaggio del collaudo ministeriale e poi la definitiva possibilità di aprire il Complesso alle visite”.  

Meglio senz’altro si deve fare per eliminare il paradosso di avere un così ricco patrimonio di beni culturali e così poche guide turistiche che possano valorizzarlo. In realtà gli aspiranti “ciceroni” ci sono e sono anche tanti: quasi 9mila infatti sono i candidati iscritti al concorso per guida turistica bandito a suo tempo dalla Regione Puglia che aspettano di potersi cimentare nelle selezioni. Una situazione singolare in cui il recente annuncio dell’imminenza della prova scritta è stato seguito a stretto giro dalla smentita dello stesso a causa, come dichiarato da funzionari regionali, di alcuni errori riscontrati nella formulazione delle domande inserite nella prova scritta. Un inconveniente che rimanda nel tempo, si spera prima dell’estate, aspirazioni e speranze di tanti giovani, oggi bloccati in un limbo in cui non possono lavorare senza una regolare abilitazione che, però, non possono ottenere proprio a causa delle lungaggini burocratiche. 

 

Pasquale De Santis 



«Indietro
Pietrangelo Buttafuoco L'intervista della settimana
Pietrangelo Buttafuoco

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising