Sei in: Home»Live»Spettacoli

Il Salento e l'Albania si incontrano ne "Il Teatro dei Luoghi Fest"

[28/06/2019] SPETTACOLI

Il Salento e l'Albania si incontrano ne "Il Teatro dei Luoghi Fest"

Un festival multidisciplinare e transazionale che fino al 31 ottobre prossimo porterà arte, teatro e cultura tra Lecce, Aradeo e Tirana 

 

Ventuno giorni di spettacoli internazionali, prime nazionali, progetti di comunità, performance site-specific e incontri. Fino al 31 ottobre i “Cantieri Teatrali Koreja” ripropongono “Il Teatro dei Luoghi Fest & Fineterra”, una manifestazione che quest’anno si svilupperà tra Lecce, Aradeo e Tirana. Il festival si è aperto lo scorso 23 giugno con Goffredo Fofi e Vinicio Capossela nell’incontro “Peste e cronache del post Medioevo corrente” ed è proseguita il giorno successivo con il Premio della rivista “Gli asini”, curato ancora da Fofi; il 27 giugno, invece, è stata la volta di “Social Karma”, un brainstorming rivolto alle imprese culturali salentine del Distretto Produttivo Puglia Creativa a cura di Carlo Infante–Urban Experience.

Il prossimo appuntamento è per il 29 giugno, presso Borgo Pace di Lecce, con il progetto “Complicities-COntemporary Modelling Peripheries for LIvable Cities”. Dal 12 al 19 luglio il festival si trasferirà ad Aradeo con l’inaugurazione, presso Palazzo Grassi, di “Arte dei luoghi”, un progetto del Teatro Koreja a cura di Marco Petroni, mentre dal 13 al 17 luglio Palazzo Grassi ospiterà “Traguardare”, un workshop curato da Giovanna Bianco e Pino Valente. Negli stessi giorni, il programma proseguirà con lo spettacolo tra terra e aria di Elisa Barucchieri dal titolo Le memorie del 9. storie di muri e di ponti e il 13 luglio, inoltre, Palazzo Grassi sarà la sede de La ragione del terrore, il nuovo spettacolo di Koreja, scritto da Michele Santeramo per la regia di Salvatore Tramacere; a seguire, poi, il walkabout “Paesaggi umani. esplorazioni partecipate di ombre e memorie carsiche”, a cura di Carlo Infante-Urban Experience (protagonista anche il 14 luglio con un secondo appuntamento di “Arte dei Luoghi”) e l’apertura di “Polyphonics Spaces”, la mostra di Gabriele Mauro e Stefano Giuri, a cura di Marco Petroni. 

Il 15 luglio è invece previsto lo spettacolo di circo e teatro La riscossa del clown con Madame Rebiné, mentre il 16 luglio sarà la volta del concerto Ronzano e Sciamano di Agostino Cortese, in memoria di Antonio Infantino. Il 17 luglio è in programma lo spettacolo di musica e racconti L’abito della festa, ideato da Koreja, PugliArmonica e MarianoLight. A seguire, il progetto performative site-specific “Libero corpo” di Giulio De Leo e Roberta Ferrara, che partirà con i gli appuntamenti “Ninfeo” e “Young hearts run free”. Il 18 luglio, poi, Teatro Koreja e il fotografo Daniele Coricciati presenteranno “Santolivo. Requiem per un albero - Il libro”; a seguire Le nozze d’olio letture al femminile a cura di Carla Guido e Ludovica Polito. E ancora, appuntamento internazionale con Teatro Le Girandole (Francia) e Luciano Travaglino e il suo Johan Padan a la descoverta de le Americhe. 

Il 19 Luglio tornerà Fabrizio Saccomanno con Via e la dolorosa emigrazione degli italiani in Belgio. Palazzo Grassi, inoltre, ospiterà ogni sera “Falene a Palazzo”, momenti di confronto con dj set e concerti gratuiti, e sul terrazzo sarà possibile degustare i prodotti di “Tenuta Luna”, “Uovo Perfetto” e “Karadrà”. Per la prima volta, poi, diretta dopo gli spettacoli con “Radio dei luoghi” su Rkonair.com. Teatro dei Luoghi proseguirà l’1 e il 2 agosto presso i Cantieri Teatrali Koreja con Lettere di eroine del mito di Elena Bucci e Marco Sgrosso.

Dal 25 al 31 ottobre il Teatro dei Luoghi Fest si sposterà a Tirana per “La settimana della cultura italiana”. In scena presso il Teatro Metropol, “GUL. Uno sparo nel buio”, uno spettacolo di e con Gemma Carbone prodotto da Koreja su giallo della morte del premier svedese Olof Palme. A rafforzare il progetto culturale di Koreja l’incontro “Le parole del giallo” curato da Giancarlo De Cataldo. 

Dopo aver vinto il Premio “Cultura + Impresa” 2014, il Festival ha ricevuto l’Effe Label 2015/2016, 2017/2018 e 2019/2020: un importante riconoscimento a livello europeo assegnato a festival con particolare impegno artistico, coinvolgimento delle loro comunità locali e prospettiva europea e globale. 

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Ambra Mongị L'intervista della settimana
Ambra Mongị

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising