Sei in: Home»Comuni»Casarano

Voglia di sicurezza

[23/03/2018] CASARANO

Voglia di sicurezza

Dopo gli ultimi fatti criminali dei giorni scorsi il Comitato civico “Casarano Libera” chiede alle autorità più controlli in città 

 

Da tempo la città è oggetto di atti di violenza e intimidatori: gli ultimi in ordine di tempo risalgono alla notte fra il 14 e il 15 marzo con cinque colpi d’erma da fuoco esplosi all’indirizzo della concessionaria Tr Car, sulla via di Collepasso, e altrettanti sulle serrande della palestra Energym di via Nardò, oltre a tre colpi che hanno colpito una Fiat Stilo parcheggiata in una via periferica e di proprietà di un 37enne del posto. Marco Mazzeo, portavoce di “Casarano Libera”, un movimento spontaneo di associazioni e singoli cittadini che vuole Casarano e tutto il territorio libero da azioni violente e criminali, è intervenuto in merito a questi episodi criminali chiedendo ad alta voce alle istituzioni e ai cittadini di rimanere uniti contro i fenomeni mafiosi. “Ancora una volta -afferma Mazzeo- Casarano è costretta a svegliarsi sotto i colpi di fucile durante il faticoso e singhiozzante tentativo di recuperare un quieto vivere. È da troppo tempo che questo tipo di episodi si ripetono con una certa regolarità e questo ci induce a pensare ad un territorio in precarissimo equilibrio fra legalità e il baratro della criminalità di natura organizzata e mafiosa. In questa lotta, non si può accettare nessuna forma di titubanza e di compromesso. La cittadinanza di Casarano ripudia e deve ripudiare ogni forma di contatto con il crimine”. 

Il portavoce prosegue poi sulla stessa lunghezza d’onda: “Per queste motivo, in particolare, come cittadini, chiediamo un ulteriore sforzo alle forze dell’ordine per vigilare e prevenire ogni possibile ritorno di poteri oscuri. Alla Prefettura chiediamo di proseguire sull’attenzione e sulla sensibilità dimostrate, ed esortiamo la stessa ad accelerare i provvedimenti in essere per contribuire a sradicare nel minor tempo possibile, ogni tentativo di riemersione criminale. Noi, cittadini di Casarano -conclude- abbiamo il dovere di partecipare alla vita sociale politica della città con continuità e condivisione assumendoci le responsabilità che ci competono perché in tanti possiamo fare quello che da soli è impossibile fare”. 

Nel frattempo una delegazione del Comune di Casarano ha partecipato con una propria delegazione alla XXIII “Giornata della Memoria e dell’impegno” che si è svolta il 21 marzo scorso a Foggia. 



«Indietro
Sergio De Donno L'intervista della settimana
Sergio De Donno

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising