Sei in: Home»Rubriche»In copertina

Un futuro sempre pił roseo per i vini pugliesi

[20/04/2018] IN COPERTINA

Un futuro sempre pił roseo per i vini pugliesi

Non solo nei numeri, ma anche nei colori: i vini rosati costituiscono oggi il 9% dei vini totali venduti e sono sempre più richiesti 

 

Va sempre più incrementandosi il trend di crescita dei vini rosati tant'è che nei giorni scorsi il Consorzio di Tutela del vino Bardolino, il Consorzio Valtenesi, il Consorzio di Tutela dei Vini d'Abruzzo, il Consorzio di Tutela dei Vini Salice Salentino hanno deciso di firmare un protocollo d'intesa orientato alla diffusione della conoscenza e della cultura del vino rosato autoctono italiano, inteso come un mix perfetto delle singole specificità territoriali. 

Locali e lidi balneari ne stanno facendo già cospicua richiesta in vista dell'estate, a prevedere un boom che in realtà va avanti da qualche anno a questa parte. Il Vinitaly che si è appena concluso è stato la prima uscita ufficiale del nuovo soggetto costituito dai cinque consorzi italiani con la maggiore predisposizione alla produzione di rosati. Dopo la sottoscrizione svoltasi sabato 14 aprile a Bardolino con il patto di intenti che ha sancito l’alleanza sui rosati, con la regia di DeGusto Salento, associazione di produttori con sede a Leverano, sarà ulteriormente rafforzato il patto d’azione strategica che unirà l’Italia dal Nord al Sud nel segno del rosato. 

“Una grande sfida nella quale la nostra associazione ha sempre creduto -precisa la presidente di DeGusto Salento, Ilaria Donateo- e che finalmente diventa un progetto condiviso con un taglio sicuramente promozionale ma anche culturale. I dati diffusi dalla Nielsen ci dicono che negli Stati Uniti i rosati hanno segnato un +53% di vendite e che in valore assoluto hanno superato la vendita dei vini fermi. Bene, da qui partiamo per sviluppare un progetto italiano di promozione che ci vede tutti uniti per la valorizzazione del vino rosato autoctono italiano”. 

I rosati, secondo i dati in possesso del consorzio, costituiscono il 9% dei vini totali venduti: la Francia ne produce 7,6 milioni di ettolitri consumandone 8,1, gli Stati Uniti ne produce 3,5 milioni e ne consuma 3,2, la Germania ne consuma 1,6 milioni di ettolitri senza produrne. Sono indicatori precisi su quanto il mercato dei vini rosati sia in crescita con margini significativi anche negli anni a venire. “È un trend che va e viene da tre o quattro anni, certo se ne beve più di dieci anni fa -conferma Francesco Winspeare di “Castel di Salve”-. I rosati pugliesi sono molto buoni, ma anche molto carichi e molto alcolici, ora li stanno facendo più beverini”. 

 

Il nettare della bellezza

 

Il successo del settore ha comportato, come conseguenza, la nascita di alcune innovazioni strettamente connesse alla filiera del vino. Ad esempio, quella del wine beauty: il vino declinato alla cura del corpo e all'elisir di bellezza. Dalla crema viso alla linfa di vite, dallo scrub agli scarti di potatura al gel di uva rassodante, dalla crema anti-età al nettare di uva ce n'è davvero per tutti i gusti e per tutte le età, con la garanzia comunque di restare sobri. 

Le novità sono, comunque, all'ordine del giorno e riguardano anche le uve Sauvignon coltivate in riva al mare di Taranto; gli occhialini avveniristici per ‘immergersi’ nelle Terre del Neagroamaro, frutto di una collaborazione tra le cantine di Guagnano e uno spin off dell’Università del Salento, più precisamente una collaborazione con Firm Unisalento e AVR Lab, coordinati dal professor Maizza, che consentono di visitare vigne, barricaie e cantine, stando comodamente seduti in poltrona a degustare i pregiati vini salentini. Poi il pesto a base di foglie di vite ideato a Castellaneta. 

Un patrimonio da non disperdere, anzi da difendere a tutti i costi soprattutto dall’attacco dei falsari, legandolo una volta di più al territorio e rendendolo in questo modo suo veicolo. Questo lo si può fare, insistono da Coldiretti, solo puntando sui marchi di qualità. 

 

Alessio Quarta 



«Indietro
Antonio Riso L'intervista della settimana
Antonio Riso

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising