Sei in: Home»Comuni»Poggiardo

Un Piano d'Area per la crescita del territorio

[01/12/2017] POGGIARDO

Un Piano d'Area per la crescita del territorio

Un progetto avanzato di rigenerazione urbana e un altro relativo alla mobilità e ai trasporti sono stati presentati nel corso dell’incontro istituzionale svoltosi a Otranto 

 

Lo scorso 20 novembre il Castello di Otranto ha ospitato il  “Destinazione turistica Sud Salento”, promosso dal Piano d’Area “Terre d’Otranto”, aggregazione di 17 comuni con Poggiardo capofila e con Andrano, Bagnolo del Salento, Cannole, Cursi, Castro, Diso, Giurdignano, Muro Leccese, Minervino di Lecce, Ortelle, Otranto, Palmariggi, Scorrano, Spongano, Santa Cesarea Terme, Uggiano la Chiesa; un appuntamento con al centro le strategie per lo sviluppo turistico del territorio regionale e degli stessi Piani d’Area.

Il tavolo dei relatori comprendeva il sindaco di Otranto Pierpaolo Cariddi, il sindaco di Poggiardo e presidente del Piano d’Area “Terre d’Otranto” Giuseppe Colafati, il sindaco di Tiggiano e Presidente del Piano d’Area “Capo di Leuca” Ippazio Morciano, il sindaco di Ugento Massimo Lecci, il sindaco di Muro Leccese Antonio Donno, il presidente di Federalberghi Mimmo De Santis, il dirigente del settore Turismo della Regione Puglia Patrizio Giannone e l’assessore regionale Loredana Capone. Presenti inoltre i sindaci del Piano d’Area “Terre d’Otranto” e molti operatori turistici.

“Un incontro utile -ha dichiarato Colafati- sia perché si è fatto il punto sulle strategie poste in essere sul tema da territori e Regione, sia per spiegare a un pubblico qualificato la ratio e lo spirito che hanno spinto i comuni dei Piani d’Area, ‘Terre d’Otranto’ e ‘Capo di Leuca’ a costituirsi prima e a collaborare poi, anche alla luce dell’approvazione da parte della IV Commissione consiliare della Regione Puglia della proposta di legge sui piani d’area integrati, fondamentale per lo sviluppo futuro dei territori interessati. Già il presente dimostra la bontà della scelta fatta di mettersi assieme, come provano la presentazione di un piano avanzato di rigenerazione urbana e un progetto integrato sulla mobilità e i trasporti in grado di dare un impulso straordinario allo sviluppo dei nostri territori”. 

“Non serve solo l’attività di promozione -ha invece spiegato l’assessore Capone-, serve costruire una buona accoglienza, un percorso. Serve costruire prodotti organizzati e strutturati. Il primo passo da compiere è, innanzitutto, quello di unirsi in reti d'impresa. In quest'ottica i Piani d'Area sono una premessa eccellente”. 

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Brizzo L'intervista della settimana
Brizzo

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising