Sei in: Home»Rubriche»Primo Piano

TripAdvisor? Meglio carta e penna

[19/10/2018] PRIMO PIANO

TripAdvisor? Meglio carta e penna

Presso il Caffè Parisi di Nardò il titolare Antonio Previdero ha collocato un’apposita cassetta delle lettere affinché i clienti possano esprimere (anche in forma anonima) suggerimenti e consigli 

 

Con oltre 661 milioni di recensioni e opinioni relative alla più grande selezione di business di viaggio a livello mondiale, TripAdvisor è una community che offre ai viaggiatori esperienze personali per aiutarli a decidere dove soggiornare, come volare, cosa fare e dove mangiare. Nonostante nel settore ristorativo abbia gradualmente soppiantato guide gastronomiche stellate, la piattaforma non è ad oggi riuscita ad ottimizzare le conseguenze che inevitabilmente derivano dalla sua “potenza”. Nel corso degli anni, infatti, alle recensioni utili ai viaggiatori si sono aggiunte autorecensioni da parte degli stessi esercenti, false recensioni a pagamento e giudizi sleali “sotto copertura” da parte della concorrenza. 

Una tendenza gravosa questa per tutti quegli esercenti che devono fare i conti con recensioni misteriose e identità sospette e che il giovane Antonio Previdero, titolare del Caffè Parisi in piazza Salandra a Nardò, ha pensato bene di invertire rispondendo con una provocazione: carta, penna, cassetta della posta per lasciare suggerimenti utili e divieto per i suoi clienti di utilizzare TripAdvisor con il fine ultimo di recuperare quel dialogo autentico che ha sempre caratterizzato il rapporto esercente/consumatore. “Nessun timore del giudizio del cliente -ha dichiarato il titolare- ma gli strumenti web, che in teoria danno a tutti l’opportunità di farsi conoscere, sono ormai dei generatori di odio. Questo moderno modo di esprimersi tramite i social manda in disarmo la vecchia comunicazione, sia quella ristoratore-cliente che quella utente-consumatore. Il cliente è importantissimo -conclude Previdero- e ancor più importante è il suo suggerimento costruttivo, non il suo voto. Le attività ristorative sono nate per servire e non per essere votate”. 

Intanto, per combattere i giudizi negativi dei fake account a Lecce un nuovo servizio dedicato ai soci di Confcommercio. Si chiama “SOS Recensioni” ed è un servizio di assistenza gratuita nato dalla collaborazione avviata da FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) con TripAdvisor e realizzato per aiutare le imprese a difendersi contro la concorrenza scorretta in rete e a gestire le problematiche derivanti dall’utilizzo della piattaforma. Tramite il servizio clienti del portale turistico ciascun socio Confcommercio può richiedere gratuitamente l’assistenza necessaria ed ottenere, mediante l’intermediazione dello sportello, una risposta personalizzata in maniera prioritaria. Per ricevere assistenza in merito è possibile contattare gli uffici Confcommercio Lecce al numero 0832.345146 o inviare una mail all’indirizzo lecce@confcommercio.it. 

 

Solo un mese fa la prima condanna contro le recensioni false

 

TripAdvisor proprio recentemente ha celebrato il risultato di una sentenza decisiva in Italia, che ha visto un truffatore di recensioni online condannato al carcere. Uno dei primi casi di esecuzione di una sentenza che ha portato ad una condanna penale attraverso cui il Tribunale di Lecce ha stabilito che scrivere recensioni non corrispondenti alla realtà, utilizzando un’identità falsa, è un crimine per la legge italiana. 

Il proprietario di PromoSalento, che vendeva pacchetti di recensioni false a diversi business dell’ospitalità italiana, è stato condannato a 9 mesi di prigione ed al pagamento di circa 8mila euro in favore del colosso. La community ha supportato il procedimento contro PromoSalento costituendosi parte civile, ha fornito il supporto dei suoi consulenti legali italiani ed ha identificato e rimosso, o bloccato, oltre mille tentativi di invio di recensioni relative a centinaia di strutture che sono state segnalate e penalizzate nelle classifiche. L’uomo ha, in aggiunta, perpetrato un uso non autorizzato del marchio registrato PromoSalento, società che si è successivamente dichiarata estranea alle attività illegali intraprese dall’individuo.

 

Serena Merico 



«Indietro
Shadi Fathi L'intervista della settimana
Shadi Fathi

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising