Sei in: Home»Comuni»Maglie

Toma: "Concluderemo il lavoro iniziato"

[03/10/2020] MAGLIE

Toma: "Concluderemo il lavoro iniziato"

Il neo eletto primo cittadino è fiducioso di poter portare a compimento, nei primi cento giorni, i cantieri ancora work in progress. Sulla futura Giunta ha le idee chiare: “Accorderò la mia fiducia a chi garantirà la necessaria disponibilità di tempo e di impegno personale per la città”

 

Con 4.520 preferenze Ernesto Toma è stato incoronato per la seconda volta consecutiva sindaco di Maglie, al termine di una campagna elettorale molto combattuta. Oltre il 50% dei consensi (50,3% per l’esattezza) da parte dei magliesi gli hanno infatti consentito di battere i suoi avversari Antonio Refolo, candidato del centrosinistra che ha raccolto 3.869 preferenze (43%), e Salvatore Ruberti, candidato per il Movimento 5 Stelle, che di voti ne ha presi 598 (6,6%). 

Per Toma e la sua squadra di “Siamo Maglie” è tempo dunque di pensare al futuro della città e su questo ha le idee chiare, forte di un’esperienza passata di 5 anni di governo della città nel corso dei quali non sono mancati contrasti all’interno della coalizione di maggioranza e problemi legati alle situazioni contingenti (come durante il lockdown), ma sono stati anche portati avanti numerosi progetti dei quali lo stesso Toma è certo di raccogliere i frutti in tempi brevi. Per Maglie dunque inizia una nuova stagione all’insegna della continuità ma anche con alcune novità, come lo stesso primo cittadino ci racconta in questa intervista. 

Sindaco Toma, qual sarà il primo punto in agenda di questa nuova Amministrazione? 

La mia intenzione è di concludere quello che abbiamo iniziato anni fa. In particolare mi riferisco ai lavori pubblici: nell’arco dei primi cento giorni dal mio insediamento, saranno portati a compimento i cantieri già avviati come ad esempio lo stadio, per il quale i lavori si sono conclusi il 10 settembre e si sta provvedendo ad effettuare i dovuti collaudi. Per il Palazzetto dello Sport abbiamo inviato richiesto un mutuo dal Credito Sportivo (poco più di 50mila euro) e spero entro la fine del mese di ottobre che si possano ultimare i lavori per renderlo nuovamente agibile. Diverso è il discorso della ristrutturazione completa della struttura, per la quale abbiamo preparato un progetto per un importo di 600mila euro, al quale si aggiungono altri 200mila richiesti per l’ultimazione dello Stadio. 

Quali sono gli altri cantieri work in progress

Abbiamo tre importanti contenitori culturali: il Museo del Patrimonio Industriale, Villa Tamborino e il complesso L’Alca (sia il Museo che la Biblioteca, per i quali abbiamo a disposizione un finanziamento di circa un milione di euro per la ristrutturazione), molto importanti per l’identità stessa della nostra città. Per la loro gestione abbiamo fatto un bando a cui si è presentata un’associazione temporanea di imprese con un progetto che sarà vagliato dalla commissione esaminatrice. Non dimentichiamo inoltre altri cantieri aperti come via Capece e i bagni pubblici. Successivamente, verso la fine dell’anno, inizieremo a pianificare l’attività amministrativa per i prossimi 5 anni 

Una questione particolarmente sentita in città è quella dei miasmi, che a giorni alterni vengono segnalati in diversi quartieri. Cosa avete intenzione di fare in merito? 

Occorre fare una distinzione tra i miasmi: una parte di quelli percepiti hanno a che fare con il depuratore, una storia vecchia per la quale il 20 luglio scorso la Regione Puglia, dopo numerose sollecitazioni da parte nostra, ha avviato il procedimento per la realizzazione della copertura delle vasche, sperando che sia la soluzione definitiva. Per altri odori molesti non abbiamo ad oggi dei dati ufficiali che ne possano indicarci con certezza l’origine: insieme al sindaco di Muro Leccese e le nostre rispettive Commissioni ambiente, ad Arpa Puglia e Provincia di Lecce andremo a installare una nuova centralina per il monitoraggio dell’aria nella zona Muro-Scorrano, oltre a quella già esistente presso l’IISS “Cezzi De Castro”. Questo è quello che possiamo fare, nell’ambito delle norme e dei protocolli istituzionali che, come Amministrazione, siamo obbligati a seguire. 

Parliamo della futura squadra di governo: cittadini e imprenditori di Maglie chiedono che l’assegnazione delle deleghe venga fatta tenendo conto delle rispettive competenze, più che delle preferenze ricevute. Quali saranno i criteri per la scelta degli assessori? 

Il mio primo criterio di scelta sarà principalmente basato sui numeri, però ritengo che nelle prime cinque posizioni ci siano anche le competenze giuste per affrontare un mandato lungo e impegnativo. Non voglio fare rimpasti o cambi di deleghe, come è avvenuto nella scorsa Amministrazione. Posso garantire però che tutti coloro ai quali saranno assegnate deleghe dovranno dimostrare, oltre che avere le necessarie capacità, anche di poter garantire la necessaria disponibilità di tempo e di impegno personale per amministrare in maniera efficace la cosa pubblica. 

Un desiderio diffuso è che Maglie possa riappropriarsi presto del suo ruolo di punto di riferimento per il commercio in Salento. In che modo l’Amministrazione può agevolare questo processo? 

Insieme alle associazioni di categoria dei commercianti abbiamo già stabilito di regolare il traffico nel momento in cui sia possibile reperire spazi per i parcheggi (vedi il caso di via San Giuseppe) e utilizzare il Piano della Mobilità sostenibile. Altrettanto importante è la definizione del Distretto Unico del Commercio (Duc), per il quale sarà presentata a breve una piattaforma che consentirà, grazie alle nuove tecnologie, l’interazione tra commercianti e cittadini. Abbiamo inoltre un progetto per la ristrutturazione dell’interno del Mercato coperto, perché diventi un luogo ideale per la compravendita di prodotti agroalimentari d’eccellenza. 



«Indietro
Laura De Ronzo L'intervista della settimana
Laura De Ronzo

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising