Sei in: Home»Rubriche»In copertina

Sunrise e lido Coiba insieme per "Il mare di tutti"

[13/07/2018] IN COPERTINA

Sunrise e lido Coiba insieme per "Il mare di tutti"

Fino all'11 settembre ogni martedì, dalle 9 alle 11, i malati di sclerosi multipla potranno fare il bagno e la talassoterapia grazie agli specialisti dell’ospedale “Panico” di Tricase 

 

Ha preso il via nei giorni scorsi il progetto “Il mare di tutti”, l'iniziativa fortemente voluta dall’associazione Sunrise Italiana Sclerosi Multipla, guidata da Maria De Giovanni, in collaborazione con Assotur, ssociazione operatori turistici marine di Melendugno, con il patrocinio della Provincia di Lecce e del Comune di Melendugno. Luogo prescelto è il Lido Coiba, collocato sulla via che collega San Foca a Roca. Tutti i martedì fino all'11 settembre prossimo, dalle 9 alle 11 i malati di sclerosi multipla che ne faranno richiesta saranno accompagnati a bordo di un pullmino attrezzato a fare fisioterapia, respirando il profumo del mare che, per tanto tempo, è stato loro negato. È quello che, per esempio, è successo alla signora Anna, 55enne originaria di Galugnano, che, a distanza di 25 anni dall'ultima volta, ha potuto riassaporare la gioia del mare. Ed è stato un propagarsi di emozioni positive che ha coinvolto tutti i partecipanti. “Mi sembra di volare. Sono diventata leggera leggera”, sono la sintesi di un'emotività sgorgata in maniera naturale come un vulcano che trova finalmente la sua via d'uscita.

Con l'ausilio di uno staff tecnico composto da un medico, un infermiere e un fisiatra, i volontari cercheranno di riportare il sorriso sugli utenti iscritti attraverso i benefici della talassoterapia. Nessun camice bianco in riva al mare, ma una semplice maglietta con su scritto il nome, giusto per permettere la riconoscibilità del personale operante ed evitare ogni sorta di barriera tra medico e paziente. “Ci ho messo l'anima per questo progetto -afferma soddisfatta Maria De Giovanni, presidente di Sunrise- Tante sono state le porte che negli anni ci sono state sbattute in faccia. Oggi il mio sogno è diventato finalmente realtà. Il mare è un grande aiuto per chi soffre di sclerosi multipla, regala delle emozioni che in alcuni casi valgono più di molte medicine. L'obiettivo sarà di rendere costante e continuativo nel tempo per tre di loro la fisioterapia. Se le iscrizioni continueranno ad essere tante, come sono fino ad adesso, pensiamo di estendere il trattamento a due giorni alla settimana anziché uno soltanto”. 

Il plauso al progetto arriva anche da parte del dottor Gabriele De Masi De Luca, dirigente medico cardiologo presso la UO di Cardiologia dell'Ospedale “Panico” di Tricase e titolare del Centro Medico Life di Maglie, che segue da vicino tutto il percorso dell'evento e che assiste i malati di sclerosi multipla che possono usufruire gratuitamente dei servizi del Centro magliese: “È una bellissima iniziativa quella di Maria e di Sunrise, con la quale collaboro da tempo. Io ed il mio staff siamo stati sempre molto vicini a Maria e alle sue iniziative. Saremo presenti, sia con il personale medico che con un infermiere nei giorni indicati. Ringrazio i miei collaboratori che, appena contattati, sono stati subito pronti a collaborare per questa importante iniziativa volta a contribuire a dare un sorriso anche a chi soffre”. 

 

Liberi di nuotare anche allo “Swim” a Marina di Andrano

 

Pochi chilometri più a sud si trova un'altra eccellenza salentina in materia di lidi accessibili. Niente sabbia stavolta, ma la roccia degli scogli, unicità vera e propria, più che rarità. Merito del Comune di Andrano che lo scorso anno ha dato vita a “Swim - Liberi di nuotare”, un progetto finanziato nell’ambito del Programma Grecia-Italia 2007/2013, di cui era stato capofila. L'ente comunale aveva lanciato nei mesi precedenti -sempre all’interno di Innovability- un bando per l’affidamento di servizi per l’accessibilità alla balneazione di persone con ridotta o impedita abilità motoria, in un tratto di scogliera situato in località Botte nella Marina di Andrano. 

Ad aggiudicarselo è stata l’impresa “Swim”, che ha dunque reso disponibili vari servizi: 23 postazioni per ombrelloni, lettini e sedie da regista, servizi igienici, docce, spogliatoi, pedane per godere del fresco dato dagli ombrelloni, sedie Job, Hippocampe e Safao, oltre a un dispositivo alza persone mobile per l’accesso in acqua. La società cui è andata la gestione è formata da professionisti del settore, esperti nella psicomotricità e approccio alle diverse abilità. Il progetto ha l'obiettivo di valorizzare un turismo per tutti, favorendo l’accesso in acqua di persone con diverse abilità, persone con ridotte capacità funzionali motorie e sensoriali, compresi anziani e donne in stato di gravidanza. 

 

Alessio Quarta 



«Indietro
Shadi Fathi L'intervista della settimana
Shadi Fathi

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising