Sei in: Home»Rubriche»Primo Piano

Straordinarie Storie di donne

[21/02/2020] PRIMO PIANO

Straordinarie Storie di donne

Al via sabato 22 febbraio a Maglie la quinta edizione della rassegna teatrale dedicata all’universo femminile 

 

Le donne, la loro forza, la loro fragilità, la passione che sanno imprimere nella vita e quella con cui vivono l’amore. L’universo femminile torna protagonista a Maglie con la quinta edizione di “Storie di donne - Visioni al femminile”, rassegna teatrale nata all’interno della Compagnia “Corte de’ Miracoli” da un’idea dell’attore e regista Massimo Giordano. Realizzata insieme alla Fondazione “Francesca Capece”, l’edizione 2020 della rassegna di prosa vede per la prima volta la collaborazione e il sostegno del Soroptimist International Club, associazione internazionale nata nel 1921 nella quale sono rappresentate diverse categorie di alta qualificazione professionale al femminile. 

Il cartellone di quest’anno prevede sei spettacoli e prenderà il via il 22 febbraio alle 20.45 con Corpi al vento (replica domenica 23 alle 17.45). Diretto e interpretato da Ilaria Gelmi e Antonella Ruggiero, lo spettacolo rivive in chiave personale, ironica, contemporanea e femminile il mito classico che vede protagoniste Pasifae, la madre del Minotauro, e le sue figlie Arianna e Fedra. Il 21 e il 22 marzo il teatro della “Corte de’ Miracoli” ospiterà Prendi i miei vestiti, scritto, diretto e interpretato da Giulia Innocenti. Lo spettacolo si concentra sulla figura di Elvira e sul suo amore malato verso un uomo che la fa continuamente cadere. 

Il 4 e il 5 aprile il programma prevede l’esibizione di Silvia Lodi in Preghiera del mattino: scritto da Valentina Diana e diretto da Giuseppe Semeraro, lo spettacolo riprende la marginalità di cui soffrono le donne nell’Antico Testamento, così come purtroppo accade ancora oggi in ogni angolo del mondo. Il quarto spettacolo è previsto per il 18 e il 19 aprile e si intitola Corri, Dafne!, diretto da Alberto Cacopardi e scritto e interpretato da Ilaria Carlucci; l’insicurezza, la paura, l’ansia di una ninfa che deve affrontare l’accecata richiesta di amore di Apollo, il più desiderato degli dei.

Stoc ddò. Io sto qui è il nome della rappresentazione che andrà in scena il 27 e il 28 aprile, scritta da Osvaldo Capraro, diretto e interpretato da Sara Bevilacqua. È un viaggio all’interno dell’anima di Lella alla scoperta di quella forza che le consente di combattere contro chi ha ucciso suo figlio per errore, durante un regolamento di conti tra clan rivali. L’edizione 2020 di “Storie di donne” terminerà il 15 e il 16 maggio alle 20.45 e il 17 maggio alle 17.45 e alle 20.45 con Il matrimonio mancato, scritto da Stefania De Ruvo, diretto da Massimo Giordano e interpretato dalle attrici della compagnia “Corte de’ Miracoli”. Riproposto quest’anno dopo il successo della scorsa edizione, lo spettacolo si presenta come una commedia con un gruppo di donne che, in seguito ad un matrimonio mancato, si confidano sul loro rapporto col sesso e i rapporti in generale. 

Anche nell’organizzazione della quinta edizione è stato fondamentale il ruolo ricoperto dalla Fondazione “F. Capece”, rappresentata dal suo presidente Rossano Rizzo: “Non possiamo non sostenere l’iniziativa di Massimo Giordano, perché ancora una volta dona a Maglie il privilegio di ospitare una rassegna culturale di elevata qualità, accompagnata da un importante significato sociale”. 

Per la prima volta, invece, la manifestazione gode della collaborazione di Soroptimist International Club, nelle figure delle sezioni di Lecce e di Maglie-Sud Salento (rispettivamente 66° e 168° dell’Unione Italiana), quest’ultima nata lo scorso 8 febbraio. Alessia Ferreri è il Presidente di Soroptimist International Club Lecce e ha apprezzato il significato insito in “Storie di donne”: “Non abbiamo avuto dubbi a sostenere questa rassegna perché riteniamo che il teatro sia uno dei modi più belli non solo per ripercorrere i vissuti delle donne, ma anche per riflettere e raccontare la complessità del mondo femminile, sia per quanto riguarda i ruoli nel contesto familiare, che quelli in ambito lavorativo”. 

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Giusi Portaluri, presidente della neonata sezione di Maglie-Sud Salento: “Storie di donne incarna perfettamente la mission di Soroptimist International Club. Aderiamo con entusiasmo all’iniziativa di Massimo Giordano perché concretizza un’azione con la quale promuove il potenziale delle donne e sostiene il progresso della condizione femminile”. 

Il direttore artistico Massimo Giordano, infine, non può non elogiare la figura della donna, così come viene descritta nei sei spettacoli: “Storie di donne non è semplicemente una rassegna di teatro al femminile. È una rassegna di teatro vista attraverso la lente della sensibilità femminile. Le donne sono molto poliedriche nel vedere le cose e vedere le cose con gli occhi delle donne potrebbe essere un bel confronto per le donne stesse, ma soprattutto un momento pedagogico per tutti noi uomini. D’altronde, per i greci il teatro aveva una funzione pedagogica e credo che agli uomini, ogni tanto, faccia bene vedere il mondo con gli occhi delle donne”. Info e prenotazioni: 391.3119716. 

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Giuseppe Calogiuri L'intervista della settimana
Giuseppe Calogiuri

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising