Sei in: Home»Rubriche»In copertina

Presepi viventi in Salento

[22/12/2017] IN COPERTINA

Presepi viventi in Salento

CASTRO 

 

26 dicembre - 1 e 6 gennaio. Orario: 17/21

 

Nella perla del Salento torna “Natale in Conte”, la rappresentazione che animerà il borgo antico che come ogni anno si ripopolerà, come d’incanto, al pari di una città medievale ricca e fiorente, abitata da tanti personaggi come il Vice Re di Napoli, la gran contessa Elisa Gattinara, i cavalieri e le nobildonne, i mercanti e i popolani, l’esercito del Conte, gli arcieri del castello, il l vescovo Angelo Giaconia, il Capitolo della Cattedrale, l’esercito ottomano all’ordine dei Templari di Castro. Negli angoli più caratteristici del borgo antico si terranno rievocazioni di vita medievale con arti e mestieri, spettacoli itineranti, musici cantastorie, danzatrici, sbandieratori, combattimenti con spade, novità di quest’anno sarà la piazza d’armi, dove sarà allestito un accampamento con soldati ed arcieri. La rappresentazione è organizzata dalle associazioni Castro Medievale e Castro Antica, gelose custodi della preziosa memoria storica, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale. Info: www.nataleincontea.it. 

 

 

COLLEPASSO 

 

25 e 26 dicembre - 1, 6 e 7 gennaio. Orario: 18/21 

 

In una location inedita e fino ad ora poco conosciuta il Comitato 2.0 – Festa Patronale Collepasso organizza la prima edizione del presepe vivente. La stella cometa brillerà sul centro storico di Collepasso e il percorso del presepe si snoderà tra antiche case, cantine, viuzze e suggestivi passaggi attraverso giardini e piccoli cortili illuminati dal fuoco. Circa 100 i figuranti che riprodurranno 32 scene di vita tipiche di un passato che riappare tra abiti d’epoca, antichi mestieri e fedeli ricostruzioni. Inoltre si potranno gustare le prelibatezze tipiche del Salento preparate in loco dalle tante massaie, come pasta fresca, “pittule cu lu cottu”, bruschette, formaggio, “pezzetti te cavaddrhu”, peperoni arrosto, “pucce alla pizzaiola e ulie”, carne arrosto e altre leccornie potranno essere gustate accompagnate da un buon bicchiere di vino locale. Nella serata dell’Epifania, con partenza dal Castello Baronale, si potrà seguire il corteo dei Magi a cavallo con la loro carovana al seguito. 

 

 

GIUGGIANELLO 

 

23 dicembre - 6 gennaio. Orario: 18/21 

 

Betlemme era il villaggio più piccolo della Palestina, un po’ come Giuggianello è il comune più del Salento. Sarà la masseria Pisanelli, sulla strada provinciale 62 che porta a Minervino, ad accogliere la Betlemme del Salento abitata in gran parte da bambini (ben 80 degli oltre 120 figuranti) che guidati dal solerte don Vito Mangia conducono all'affascinante viaggio nel tempo. Un percorso di luce e musica, abbracciato dalla campagna circostante e gli ulivi, per riscoprire la vita semplice del passato e la voglia di ritrovarsi di una comunità. Tante le scene che saranno rappresentate: la Natività, il palazzo di Erode, l’arrivo dei Re Magi, le botteghe di arti e mestieri, i pastori. L’evento è frutto dell’impegno dell’intera comunità di Giuggianello, di cui numerosi genitori, bambini e ragazzi che in questi giorni si stanno dedicando con grande coinvolgimento e passione a questo progetto. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di trasmettere l’importanza della collaborazione e della solidarietà. 

 

 

SANTA CATERINA

 

26 e 30 dicembre - 1 e 6 gennaio. Orario: 17/20

 

Giunto alla 37esima edizione e inserito nell’ambito di Nardò coi fiocchi, la rassegna di eventi natalizi dell’Amministrazione comunale di Nardò, il presepe vivente sarà l’occasione per immergersi nuovamente nella magica atmosfera della “Betlemme delle Jonio”, che l’anno scorso ha fatto registrare 15mila presenze. Realizzato dalla parrocchia di Santa Caterina d’Alessandria, si svolge come sempre all’interno del terreno di proprietà della parrocchia di circa 5 mila metri quadri, proprio nelle vicinanze della chiesetta. L’evento coinvolge le scuole della città di Nardò di ogni ordine e grado, ragazzi, docenti e genitori. (120 figuranti suddivisi in 25 scene). Questa edizione vedrà la compagine del presepe impegnata in un gemellaggio con il comitato del presepe vivente di Tricase e l’arrivo della “Luce della Pace di Betlemme”. Martedì 26 dicembre alle 17:30 è previsto l’arrivo della stella dal mare a cura del Diving Sub di Caterina e Torre Inserraglio. 

 

 

SPECCHIA

 

25, 26 e 30 dicembre - 1 e 6 gennaio. Orario: 17.30/21

 

Festeggia la decima edizione il presepe vivente allestito nel bellissimo centro storico di Specchia illuminato dalle lanterne, con oltre 200 figuranti in abiti storici in ben 40 scene. In particolare ogni sera ci sarà una sorpresa particolare per le centinaia di visitatori che ogni anno raggiungono questo caratteristico presepe vivente: ad esempio, il 26 ci saranno gli angeli che sui trampoli arriveranno in piazza, mentre il 30 ci saranno i jazzisti dell'Orchestra “Tito Schipa” di Lecce che reinterpreteranno le musiche natalizie. Il giorno dell'Epifania in programma l’arrivo dei Re Magi con i loro doni.

Attorno al falò che sarà acceso tutte le sere in piazza del Popolo, mestieri antichi e scene della Bibbia si alterneranno nel percorso che caratterizza il presepe di Specchia, sino a giungere ai due castelli principali del paese: il Pacella Coluccia in cui è rappresentata la scena di Erode e il Castello Risolo che ospita la natività. 

 

 

TRICASE 

 

25, 26, 29 e 30 dicembre e 1, 3, 5 e 6 gennaio. Orario: 17/20.30 

 

Il presepe vivente di Tricase è una realtà religiosa e culturale che esiste dal 1976. L’area presepiale occupa circa quattro ettari di superficie, su un crinale naturale di estrema suggestione in quanto occupa lo scoscendimento di una delle “serre” estreme del Salento, il Monte Orco. Il percorso, che alterna riposanti spiazzi a continui sbalzi di terreno, si svolge per un sentiero lungo oltre 1.500 metri. Lungo questo percorso fatto di alcuni siti naturali, di antiche capanne rustiche, o di costruzioni appositamente preparate, sono distribuite le “scene”, la cui preparazione ha comportato un attento studio del passato e il recupero di una cultura antropologica che il tempo ha gradualmente modificato o del tutto cancellato. Le scene rappresentano circa 50 antichi mestieri, interpretati da circa 200 figuranti in costumi d’epoca.

Il 6 gennaio, in occasione della serata conclusiva, si svolgerà la tradizionale sfilata dei personaggi in costume d’epoca, con partenza alle 16 dall’atrio del Palazzo Gallone di Tricase in piazza Pisanelli. 



«Indietro
Giusi Portaluri L'intervista della settimana
Giusi Portaluri

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising