Sei in: Home»Rubriche»Primo Piano

Per Carlo Verdone in Salento "Si vive una volta sola"

[07/02/2020] PRIMO PIANO

Per Carlo Verdone in Salento "Si vive una volta sola"

L’attore e regista romano ha scelto Otranto, Castro, Sant'Andrea, Porto Badisco, Santa Cesarea e Serrano per ambientare il suo 27esimo film. Con lui Anna Foglietta, Rocco Papaleo e Max Tortora

 

Girato tra Otranto, Castro, Sant'Andrea, Porto Badisco, Santa Cesarea Terme, Serrano (oltre a Bari, Monopoli e San Vito di Polignano), Si vive una volta sola di Carlo Verdone, in uscita il prossimo 27 febbraio, al pari di Odio l'estate di Aldo, Giovanni e Giacomo è tra i film più attesi del cinema italiano per il nuovo anno. Otto settimane di riprese, tra il barese e soprattutto il Salento dove il regista romano ha trovato una luce speciale. “Penso di aver fatto un bel finale -ha dichiarato Verdone-. A Castro c’è una bella immagine, l’ho vista da quello che mi ha mandato il montatore, molto efficace. Ecco, mi sono stupito di come la luce sia diversa, il mare sia diverso, il colore delle rocce sia diverso. Si sente qualcosa di diverso che ti porta a recitare in maniera diversa. Ti adatti all’atmosfera del luogo”.

Un cast di grandi nomi quello del 27esimo film del regista romano, prodotto da Filmauro con il sostegno di Apulia Film Commission, con Anna Foglietta, Rocco Papaleo e Max Tortora tutti peraltro alla prima esperienza lavorativa con Verdone. Questa la trama: il professor Umberto Gastaldi (Carlo Verdone) è a capo di un’équipe medica composta dalla strumentista Lucia Santilli (Anna Foglietta), dall’anestesista Amedeo Lasalandra (Rocco Papaleo) e dal suo assistente Corrado Pezzella (Max Tortora): un team di superbi professionisti della medicina, ma anche un piccolo gruppo di insospettabili maestri della beffa, sempre pronti a congegnare spiazzanti scherzi spietati, specialmente se la vittima prediletta è il loro amico Amedeo. La vita, però, riserverà loro parecchie sorprese e, durante uno stravagante viaggio "on the road" verso i mari del Sud Italia, condito da incontri surreali, inaspettate rivelazioni ed esilaranti avventure, i quattro amici sperimenteranno un’esperienza indimenticabile, che potrebbe cambiare le loro vite per sempre.

Si vive una volta sola, sceneggiato dallo stesso Verdone con Giovanni Veronesi e Pasquale Plastino, è una commedia agrodolce sul significato dell'amicizia e una goliardica e al contempo malinconica fotografia dei nostri tempi, con la quale Verdone descrive uno spaccato del tempo presente attraverso il suo sguardo dissacrante, acuto e nostalgico.

 

Pasquale De Santis 



«Indietro
Giorgia Faraone L'intervista della settimana
Giorgia Faraone

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising