Sei in: Home»Comuni»Tricase

La Quercia Vallonea candidata all'European Tree Of The Year

[13/09/2019] TRICASE

La Quercia Vallonea candidata all'European Tree Of The Year

Quasi 80mila preferenze in pochi giorni per lo storico albero, già “simbolo del Salento e della Puglia” secondo il Wwf. È possibile votare on line fino al 21 novembre 

 
“Vogliamo salvare gli alberi, ma il nostro sogno è cambiare il mondo”: questa è la promessa di Gians Tree Foundation, la onlus che tutela i patriarchi verdi e che ogni anno lancia “European Tree Of The Year”, il concorso internazionale che nasce per valorizzare la storia di alberi secolari, la loro connessione con la popolazione, il territorio e l'ambiente. Nella competizione entra a pieno titolo la Quercia Vallonea di Tricase, l’imponente monumento alla storia e alla natura che dall’alto dei suoi 700 anni, 700 metri quadrati di foltissima chioma ed un tronco di 4,25 metri, svetta come albero più antico del Salento. 
 
Candidata a diventare patrimonio nazionale dell'Unesco e identificata dal Wwf come "albero simbolo del Salento e della Puglia”, oggi reclama un altro posto d’onore per ricordare che salvare gli alberi è preservare il mondo; un monito questo, per la Puglia, attuale più che mai. È possibile votare la Quercia Vallonea di Tricase sino al 21 novembre (giornata nazionale dell'albero) per accedere al concorso europeo “Tree Of The Year 2020”. Il voto permetterà all'Italia di essere rappresentata nel panorama internazionale con i suoi alberi più importanti per caratteristiche, storia, cultura e bellezza e adottare misure di salvaguardia. Nel contest i patriarchi verdi rappresentano anche un nodo temporale e comunitario, diventano luoghi eletti attraverso cui una comunità si racconta e si evolve. Archi narrativi ben tenuti assieme dalla Vallonea di Tricase attorno alla quale si snodano leggende e fatti essendo conosciuta anche come "Quercia dei cento cavalieri". 
 
Si narra, infatti, che Federico II, durante una sua visita in Terra d’Otranto, in seguito agli scontri avvenuti a Barletta, abbia trovato riparo, sotto la chioma della quercia insieme ai suoi cento cavalieri durante un fortunale. La quercia ha sempre rappresentato per il territorio salentino un simbolo ma anche un supporto all'economia locale perché dalle sue ghiande si ricavava il "tannino", una sostanza utilizzata nella concia delle pelli. 
 
Per votare la Quercia vallonea è sufficiente collegarsi al sito www.gianttrees.org/it/tree-of-the-year/tree-of-the-year-italia-2019.
 
 
 
M. Maddalena Bitonti 


«Indietro
Antonio Maggio L'intervista della settimana
Antonio Maggio

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising