Sei in: Home»Comuni»Ortelle

La Fiera di San Vito a Ortelle trionfa e... raddoppia

[02/11/2018] ORTELLE

La Fiera di San Vito a Ortelle trionfa e... raddoppia

L’edizione 2018 ha registrato un notevole afflusso di visitatori. La pioggia ha caratterizzato la giornata di domenica 28, ragion per cui l’Amministrazione comunale ha annunciato che la fiera ritornerà sabato 3 e domenica 4 novembre 

 

Le previsioni meteorologiche hanno tenuto in ansia tutto il mondo che ruota intorno alla Fiera Regionale di San Vito di Ortelle, e cioè cittadini, appassionati, operatori commerciali, Amministrazione comunale e l’intero staff organizzativo. Pioggia e vento hanno infatti caratterizzato l’ultimo giorno dell’edizione 2018 della più antica fiera della provincia di Lecce (seconda in regione solo a quella di Gravina in Puglia), ma nonostante ciò anche quest’anno l’atteso evento ortellese, svoltosi dal 25 al 28 ottobre, si è rivelato un successo. 

I primi tre giorni della Fiera (che per la prima volta ha ottenuto il patrocinio del Ministero alle Attività Culturali) hanno visto un crescendo di visitatori che si sono riversati presso Largo San Vito per degustare la ormai celebre carne suina prodotta esclusivamente da allevatori locali e contrassegnata dal marchio Or.Vi., frutto di un disciplinare che prevede l’allevamento degli animali con antiche tecniche di allevamento e a cui aderiscono l’Associazione degli Allevatori di Ortelle, il Comune di Ortelle, la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Teramo e la Asl di Maglie; un marchio, che riprende le iniziali di Ortelle e Vignacastrisi, indicatore di qualità e unicità di un prodotto che viene controllato su tutta la filiera. 

Le prime tre serate hanno visto una vera e propria folla di visitatori sistemarsi sotto la nuova tensostruttura per degustare la carne cucinata dai cinque allevatori locali. La carne suina Or.Vi. è la regina indiscussa della manifestazione fieristica, nonché l’elemento principale della strategia di crescita e sviluppo dell’evento e del Comune di Ortelle. Come, però, si è avuto spesso modo di raccontare, negli ultimi anni la Fiera di San Vito ha intrapreso un percorso di crescita che vuole fornire alle sue migliaia di visitatori altre opportunità, come la Mostra Mercato e la Rassegna Agro-Art, giunte rispettivamente alla XXI e la XIII edizione: la prima riguarda l’esposizione di prodotti e servizi offerti da aziende operanti in diversi settori commerciali, come veicoli e attrezzature agricole, concessionarie d’auto, abbigliamento, oggettistica, servizi per la casa e quant’altro; la seconda è invece dedicata esclusivamente al settore agroalimentare e ha visto la partecipazione di produttori di birre artigianali e prodotti tipici. Entrambe le aree espositive, inoltre, si sono caratterizzate per la presenza di aziende operanti sia in Puglia, che in altre regioni italiane. 

Degustazione e visita agli stand espositivi sono state accompagnate dalle note dell’associazione “Amici della Musica” di Ortelle, degli “Accasaccio” e di “Massimo Donno e la Banda de Lu Mbroia”. Alla vigilia della Fiera, inoltre, il sindaco Francesco Massimiliano Rausa ha voluto porre l’accento sul variegato programma di incontri e convegni dedicati a tradizione, turismo, cultura, cibo, accoglienza, paesaggio; tutte declinazioni che descrivono obiettivi e caratteristiche della Fiera di San Vito. In questa edizione, quindi, si è avuto la possibilità di discutere e confrontarsi con le iniziative del Festival del Cittadino, con gli studenti dell’IISS “E. Fermi” di Lecce e dell’Istituto Comprensivo di Poggiardo, con il Parco Otranto-Leuca, con le Pro Loco, con il nuovo Gal “Porta a Levante” e con numerosi rappresentanti istituzionali, operatori culturali ed esperti di nutrizione ed enogastronomia.

Il sole e le gradevoli temperature dei primi tre giorni hanno però purtroppo lasciato il posto alla pioggia e al vento di domenica 28 ottobre. Una perturbazione che ha ridimensionato il tradizionale e secolare mercato mattutino nel quale partecipano circa 200 commercianti ambulanti. La pioggia a intermittenza non ha però fermato i visitatori, che hanno comunque raggiunto l’area fieristica di Ortelle per godere fino all’ultimo delle attrazioni dell’evento. E il maltempo non ha fermato la cerimonia di premiazione della nona edizione del concorso fotografico Fiera di San Vito “Luigi Martano”, che ha visto vincitore lo scatto del 20enne ortellese Luigi Picci. 

Il clima ostile ha comunque reso sotto tono l’ultimo giorno di Fiera, ma l’Amministrazione comunale ha immediatamente trovato una soluzione: il sindaco ha infatti predisposto il rinvio del mercato al prossimo 4 novembre, venendo così incontro, innanzitutto, alle esigenze dei commercianti ambulanti che non hanno potuto svolgere regolarmente il proprio lavoro e poi ai sempre numerosissimi salentini che ogni anno visitano il tradizionale mercato domenicale della fiera. Il rinvio di questo appuntamento alla domenica successiva ha un precedente nel 2005, ma in questa occasione l’amministrazione comunale ha deciso di andare oltre e di riproporre la fiera anche il sabato sera, dando così l’opportunità agli allevatori di consumare i capi di bestiame rimasti invenduti a causa del maltempo. La pioggia, quindi, non solo non ha fermato la fiera, ma la ha addirittura allungata con due successivi appuntamenti; una novità assoluta nella sua secolare storia, ma che richiama un passato relativamente recente, quando la Fiera di San Vito si svolgeva solamente proprio il sabato sera e la domenica mattina. I fenomeni atmosferici resteranno sempre nelle preoccupazioni della macchina organizzativa, ma comunque vada anche quest’anno la fiera ha confermato la sua attrattiva in tutto il territorio salentino e il suo genuino spirito di convivialità e di identità che rappresenterà sempre il suo colore principale. 

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Laura De Ronzo L'intervista della settimana
Laura De Ronzo

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising