Sei in: Home»Rubriche»Primo Piano

L'allegria delle luminarie per i piccoli pazienti dell'ospedale di Scorrano

[03/05/2019] PRIMO PIANO

L'allegria delle luminarie per i piccoli pazienti dell'ospedale di Scorrano

L’iniziativa, inaugurata il 26 aprile scorso all’interno del reparto di Pediatria del “Delli Ponti”, è dei clownterapisti dell’associazione “Portatori sani di sorrisi” 

 

Luminarie in festa all’interno dell’ospedale: può forse sembrare assurdo eppure è ciò che si può notare all’interno di un reparto di un noto nosocomio salentino, e non poteva non essere che il “Veris Delli Ponti” di Scorrano, indiscutibilmente la capitale mondiale delle luminarie. Nello specifico, sono le corsie del reparto di Pediatria che dallo scorso 26 aprile sono più allegre e positive grazie a delle piccole installazioni di luce. 

Si tratta di una iniziativa dell’Associazione “Portatori sani di sorrisi” nell’ambito del progetto “Pediatrie in Festa”; i “Portatori sani di sorrisi” sono un gruppo di volontari clown “dal naso rosso” che da anni si prodigano nel donare allegria e sorrisi a bambini ed adulti con azioni semplici e genuine, e l’installazione delle luminarie nel reparto pediatrico del “Veris Delli Ponti”, la prima in assoluto all’interno di un ospedale, riflette chiaramente questa loro mission. Il loro intervento rappresenta un supporto all’attività svolta dal personale medico e da altre associazioni, così da consentire al paziente di affrontare meglio la malattia; in questo senso, i “Portatori sani di sorrisi” hanno visto nel colore e nel calore delle luminarie uno strumento efficace. Le luminarie servono quindi a dare allegria, spensieratezza e fiducia, un po’ come facevano in precedenza le avventure dei supereroi raccontate sulle pareti del reparto. 

Il progetto “Pediatrie in Festa” è nato nel 2014 presso il nosocomio “Santa Caterina Novella” di Galatina, e ora ha preso piede presso lo stesso reparto scorranese diretto dal dottor Carmelo Perrone. Il progetto prevede l’umanizzazione dei reparti ospedalieri creando e attrezzando questi ambienti con decori adatti ai piccoli ospiti, con l’obiettivo di sdrammatizzare l’ospedalizzazione e la vita in reparto dei bambini. Un ambiente adeguato e l’importante supporto dei volontari clowns “Portatori sani di sorrisi” permettono ai piccoli eroi ricoverati di affrontare meglio la patologia e ai genitori di avere un punto di riferimento per il percorso ospedaliero. 

D’altronde, il tema dell’umanizzazione è stato inserito per la prima volta nel “Patto Stato-Regioni per la Salute 2014-‘16”: “Nel rispetto della centralità della persona nella sua interezza fisica, psicologica e sociale -si legge nel documento-, le Regioni e le Province Autonome s’impegnano ad attuare interventi di umanizzazione in ambito sanitario che coinvolgano aspetti strutturali, organizzativi e relazionali dell’assistenza”. Il provvedimento, inoltre, predispone un programma annuale di umanizzazione delle cure che comprenda la definizione di un’attività progettuale in tema di formazione del personale e un’attività progettuale in tema di cambiamento organizzativo indirizzato soprattutto ad Area critica, Pediatria, Comunicazione, Oncologia, Assistenza domiciliare. Iniziative di questo genere puntano a sviluppare un approccio ‘emozionale’ attraverso il quale far emergere i possibili e terapeutici effetti di forme, superfici, materiali, suoni e odori, nonché luci e colori, proprio come quelli delle luminarie salentine. 

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Ambra Mongị L'intervista della settimana
Ambra Mongị

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising