Sei in: Home»Rubriche»Cultura

In mostra a Otranto i "magnifici fallimenti" di Oliviero Toscani

[12/01/2018] CULTURA

In mostra a Otranto i "magnifici fallimenti" di Oliviero Toscani

“Chi mi ama mi segua”: con questo manifesto shock ha inizio la sfolgorante carriera di Oliviero Toscani (nella foto), quando i jeans della nota marca Jesus divennero simbolo di trasgressione per intere generazioni femminili che in quegli anni erano mosse dal profondo desiderio di rompere gli schemi e cambiare il mondo. Era il 1973, ma ancora oggi l’estro incontenibile e spigliato di uno dei fotografi più influenti del panorama pubblicitario internazionale non smette di generare arte osando.

Saranno più di cento le fotografie che dal 20 gennaio al 31 marzo prossimo celebreranno la ricerca internazionale del maestro della fotografia contemporanea, all’interno delle sale del Castello Aragonese di Otranto. Più di cinquant’anni di magnifici fallimenti, esposizione proposta da Theutra e dal Comune di Otranto, curata da Nicolas Ballario e coordinata da Lorenzo Madaro, sarà un’occasione per mettere in scena la potenza creativa e la carriera del fotografo, attraverso le sue immagini più note che hanno fatto discutere il mondo su temi come il razzismo, la pena di morte, l’Aids e la guerra. 

Il 20 gennaio alle 18.30 nella sala conferenze dello spazio espositivo otrantino, che ogni anno ospita mostre e progetti di respiro internazionale, Olivero Toscani presenterà alcuni tra i suoi lavori più celebri: il bacio tra prete e suora del 1991, i tre cuori White/Black/Yellow del 1996, No-Anorexia del 2007. Non mancherà il ritratto dedicato al genio di “Nostra signora dei Turchi” di Carmelo Bene, e ancora lavori per il mondo della moda che lui stesso ha contribuito a cambiare radicalmente, portando alla ribalta la donna semplice capace di indossare i pantaloni. Ad Otranto saranno anche esposte alcune fotografie del progetto “Razza umana”, uno studio socio-politico, culturale e antropologico condotto da Toscani mediante il ritratto della morfologia degli esseri umani, disseminati in più 100 comuni italiani e in tutto il mondo. 

 

Serena Merico 



«Indietro
Giusi Portaluri L'intervista della settimana
Giusi Portaluri

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising