Sei in: Home»Live»Spettacoli

In circolazione il "Wuhantivirus" di Cesare Dell'Anna e Opa Cupa

[07/02/2020] SPETTACOLI

In circolazione il "Wuhantivirus" di Cesare Dell'Anna e Opa Cupa

Una nuova scommessa per Cesare Dell’Anna (nella foto) e i suoi Opa Cupa che con Wuhantivirus, online su YouTube dal 4 febbraio, dimostra di avere ancora voglia di sperimentare e, soprattutto, “contaminare” i suoi fan con un brano in cui il groove balkan-jazz e il sound prog si fondono con le melodie orientali e le scale pentatoniche. Un singolo che arriva nel bel mezzo di un’emergenza mondiale a causa del coronavirus ma che vuole sottolineare la fratellanza e il rispetto per la grande cultura della Cina proprio in un momento così difficile e delicato, con l’augurio che questo incubo finisca presto e il popolo cinese torni libero. 

La musica non può distogliere lo sguardo dalla realtà e ha il dovere di tendere la mano verso culture diverse dalle nostre, in particolare verso quelle che ormai sono subentrate nel nostro tessuto sociale. È sufficiente guardarsi intorno per comprendere l’importanza sociologica ed economica di questo “fenomeno” che vede ormai tantissimi ragazzi e uomini di seconda generazione a confronto con la normale quotidianità e con le sfide del mercato in continuo cambiamento. Cesare Dell’Anna avverte fortemente il bisogno di confrontarsi con questa cultura e in quanto musicista e musicologo studia fino in fondo la Cina e la cultura cinese. Nel profondo, non da turista. 

Con “Opa China” Cesare Dell’Anna propone ancora una volta un melting-pot sonoro “audio-pacifista” supportato da “audio-suggestioni” per unire lo stile e il gusto Opa Cupa, il groove dei Balcani e i riff africani con la cultura cinese, le scale pentatoniche, le meravigliose voci e alle melodie struggenti che vengono dall’Oriente. 

 

Foto di Giulio Rugge 



«Indietro
Nicola Fiore L'intervista della settimana
Nicola Fiore

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising