Sei in: Home»Comuni»Ruffano

Il miracolo di San Rocco

[25/01/2019] RUFFANO

Il miracolo di San Rocco

Presentato in Regione Puglia un progetto di recupero dell’area del Santuario e del borgo di Torre Paduli 

 

Il Comune di Ruffano ha presentato alla Regione Puglia il progetto di riqualificazione dell’area di Largo San Rocco e il borgo di Torre Paduli innovativo e con un occhio rivolto all’ecocompatibilità, prevede un finanziamento di 4 miliardi, che verrebbero attinti dal Fondo per lo sviluppo e la coesione del “Patto per la Puglia”. 

Gli interventi previsti sono molto ambiziosi e comprendono, oltre a Largo San Rocco, la riqualificazione del centro storico, con i suoi scorci, gli antichi nuclei abitativi e gli edifici e i monumenti storici di Torre Paduli, partendo dalla porta di accesso al borgo, in via Torricella, per poi proseguire verso piazza dei Carmelitani, fino a giungere a Largo San Rocco, noto per ospitare il Santuario di San Rocco, appunto, ma anche per essere teatro dell’ancestrale, quanto misteriosa e affascinante, tradizione delle ronde di pizzica e della danza scherma, che si svolgono ogni anno durante la cosiddetta Notte di San Rocco, tra 15 e 16 agosto. A Largo San Rocco, sacro e profano si mescolano, richiamando l’interesse e la curiosità di residenti e turisti, credenti e non credenti. 

Oltre alla riqualificazione, l’obiettivo del progetto è anche quello di favorire lo sviluppo sociale, culturale ed economico secondo un modello di turismo sostenibile, nonché di migliorare la fruibilità degli spazi, sia per le celebrazioni religiose legate alla Festa patronale, sia per gli eventi civili. Verrà restituita centralità al Santuario di San Rocco e all’esterno della chiesa sarà installata una fontana che raffigura il Santo, con l’acqua, simbolo di vita, che scorrerà lungo il perimetro del sagrato. 

L’area sarà ripavimentata con basolato in pietra di Trani e asfalto bianco, circondato da una corona verde, richiamando il percorso della via Francigena, di cui Torre Paduli costituisce una tappa. Lo spazio “laico” e quello religioso, rappresentato dal sagrato, saranno separati da un grande cerchio, simbolo della ronda e del tamburello. 

 

Marcello Greco 



«Indietro
Cristiano Militello L'intervista della settimana
Cristiano Militello

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising