Sei in: Home»Rubriche»Cultura

I "monologhi dal cuore" di Mauro Bortone

[06/03/2020] CULTURA

I "monologhi dal cuore" di Mauro Bortone

Presentato giovedì scorso a Lecce I Sinistri, l’ultimo romanzo del giornalista e scrittore salentino: cinque storie con altrettanti protagonisti che, nonostante la disillusione, resistono ad una realtà sempre più ostile 

 

Di quante certezze è fatta la vita e su quali ideali si poggia quando gli eventi alterano progetti e sogni? È l’interrogativo di fondo che anima e pervade I Sinistri - Cinque monologhi dalla parte del cuore, l’ultima fatica letteraria del giornalista e scrittore salentino Mauro Bortone (nella foto). Il nuovo romanzo, pubblicato dalla casa editrice Augh Edizioni del gruppo editoriale Utterson, è stato presentato giovedì 5 marzo presso la sede della storica Tipografia del Commercio a Lecce, e giunge a tre anni dal precedente Dove nessuno è innocente, che aveva ottenuto alcuni riconoscimenti letterari. 

Al centro dell’opera il tema della disillusione nelle sue molteplici declinazioni: i “Sinistri”, così misteriosi ed evocativi a cui fa riferimento il titolo, hanno la faccia di Cataldo, operaio ammalato di tumore sotto i cieli di Tamburi a Taranto, quella di Roberto, professore disorientato dalla propria crisi coniugale, di Mario, albergatore che prova a farsi piacere il proprio destino, di Andrea, affarista pronto a tutto per il successo, di Pamela, ferita da un amore fallito e dal complicato rapporto col padre, e di Carlo, pubblicitario licenziato dalla sua azienda. Sono loro i protagonisti delle cinque storie che compongono il mosaico del racconto, in un viaggio narrativo ed emotivo che li vede costretti a confrontarsi con le proprie contraddizioni e aspirazioni e che li porta a riconoscere l’evoluzione dei propri sentimenti, messi alla prova dai molteplici tradimenti quotidiani e ideali, mentre cercano costantemente una resistenza personale, che si fa attesa e speranza di una redenzione o di un riscatto. 

I “monologhi dal cuore” non sono solo un riferimento al luogo anatomico ma indicano il percorso individuale che i personaggi del libro affrontano, nella solitudine delle proprie scelte: il racconto viene così indirizzato in una dimensione intima, mentre le vicende si sbrogliano nel contesto di una terra indefinita e dai mille volti immutabili, sulla quale si allunga l’ombra di un’incombente modernità con cui dover fare i conti, come nel caso di Taranto: “Il punto -recita l’operaio ammalato del primo monologo- è che la gente muore da queste parti. O che lavori nell’acciaieria, o che ne subisci l’azione. È un demonio che si sta prendendo a pezzi ciascuno di noi. Si è infatuato delle nostre possibilità, dei nostri sogni e ce li ruba a pezzetti quotidianamente. Lo senti nell’aria, lo vedi nella polvere rossa che si deposita e cosparge nei cortili. Lo vedi nel fuoco che sprigionano le ciminiere che sputano fiamme e accendono la città di vuoto e di lutti”. In questi spaccati di umanità, controversa e dolorosa, ci si salva riscoprendo l’autenticità delle emozioni e dei ricordi migliori che le animano. 

I Sinistri è la quinta pubblicazione di Mauro Bortone, dopo la raccolta di poesie Echi (Editrice salentina, 1994), il saggio su don Lorenzo Milani e la scuola di Barbiana Tra parola e conflitto (Edizioni universitarie, 2008), e i romanzi Ti vedo (edizioni Lupo, 2015) e Dove nessuno è innocente (Besa, 2017). L’autore, “giornalista per passione e cronista per necessità, battutista incallito, twittatore seriale e virtuoso dell’hashtag”, come ama definirsi da sempre, vive a Otranto, città a cui è legato e dove, negli anni, oltre a svolgere l’attività professionale, si è impegnato nell’ambito culturale, fondando un Club Unesco e favorendo il riconoscimento di “Sito Messaggero di pace” al Borgo antico. La scrittura è la sua grande passione da quando l’ha conosciuta, insieme alla musica rock, al calcio e a tutto ciò che fa ingrassare. 



«Indietro
Luca Quarta L'intervista della settimana
Luca Quarta

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising