Sei in: Home»Comuni»Poggiardo

Gli "Allievi" della Virtus fanno festa

[05/04/2019] POGGIARDO

Gli "Allievi" della Virtus fanno festa

La formazione giovanile si aggiudica il girone A del campionato provinciale di categoria e domenica sfiderà lo Specchia (vincitrice del girone B) nella finalissima 

 

Far parte di un gruppo unito e affiatato è un aspetto importante per raggiungere i propri obiettivi. È il caso dei ragazzi della Virtus Poggiardo, freschi vincitori del girone A del campionato provinciale di calcio della categoria “Allievi”. Si tratta di giovani classe 2002 e 2003, che hanno quasi tutti trascorso insieme la trafila delle categorie giovanili. Un gruppo affiatato, dentro e fuori dal campo, e questo è forse il segreto del successo della giovane squadra poggiardese, giunto con una sofferta e rocambolesca vittoria nell’ultima giornata del campionato. 

Per uno scherzo del calendario, l’ultimo turno è coinciso con lo scontro diretto con la Gioventù Casarano, principale antagonista della Virtus Poggiardo e già superata all’andata. In caso di sconfitta, la compagine casaranese avrebbe agganciato la Virtus in vetta alla classifica, spostando le sorti del torneo allo spareggio. Davanti al proprio pubblico dello Stadio Comunale “Nino De Santis”, la formazione allenata da Ilario Urso si è prima portata avanti sul 3-0, per poi subire, complice anche una inferiorità numerica, la rimonta degli avversari sul 3-3; il gol del 4-3 ha poi regalato ufficialmente la vittoria della gara e, soprattutto, del torneo. 

La festa, però, è durata poco: domenica 7 aprile, ad Andrano, è infatti in programma la finalissima della categoria tra la Virtus Poggiardo e Specchia, vincitrice del girone B; entrambe le formazioni hanno comunque ottenuto il diritto di iscriversi al prossimo campionato regionale. Prima del risultato sportivo, però, ce ne è uno più importante, come sottolinea il direttore tecnico Maurizio Borgia: “La nostra più importante vittoria, per tutte le categorie giovanili, è quella sull’aspetto sociale. Puntiamo a creare dei gruppi di amici affiatati, che devono solo giocare e divertirsi. Qualsiasi ragazzo può iscriversi alla nostra società senza nessuna selezione e tutti hanno la possibilità di scendere in campo e coltivare la propria passione; è vero che ce lo impone il regolamento, ma questa è da sempre la nostra missione. I risultati positivi, ovviamente, sono ben accetti, ma il nostro obiettivo non è tanto crescere dei calciatori, ma piuttosto dei bravi ragazzi”. 

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Gaia Benassi L'intervista della settimana
Gaia Benassi

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising