Sei in: Home»Live»Spettacoli

Gio Evan fa tappa ad Alessano con il suo "InfiniTour"

[21/12/2018] SPETTACOLI

Gio Evan fa tappa ad Alessano con il suo "InfiniTour"

Il poliedrico artista e giramondo, noto per le sue poesie e le sue canzoni, si esibirà venerdì 28 dicembre alle 19 dicembre presso l’Auditorium “Benedetto XIV”

Molti ne hanno sentito parlare ai primi di novembre quando la conduttrice televisiva Elisa Isoardi lasciò il suo compagno di allora, il ministro dell’Interno Matteo Salvini, citando un brano di una sua poesia (“Non è quello che ci siamo dati a mancarmi, ma quello che avremmo dovuto darci ancora”). Ma Giovanni Giancaspro, meglio conosciuto come Gio Evan (nella foto, nome attribuitogli da un indiano Hopi in Argentina durante uno dei suoi viaggi in bicicletta) è molto, molto di più: artista, scrittore e poeta, umorista, filosofo, performer, cantautore e artista di strada. E venerdì 28 dicembre alle 19 dicembre sarà in Salento presso l’Auditorium “Benedetto XIV” di Alessano (sito sulla S.S. 275 Maglie - Santa Maria di Leuca km 23,600) per presentare il suo “InfiniTour”. L’iniziativa è a cura dell’Associazione culturale “Pacciu de tie”, che mira ad una maggiore conoscenza e diffusione della cultura, realizzando incontri attraverso cui confrontarsi e condividere ogni conoscenza. 

L’artista originario di Molfetta, dopo aver vissuto con gli sciamani e dopo aver viaggiato in bicicletta per otto anni visitando India, Sudamerica ed Europa, dopo aver digiunato per trenta giorni, dopo aver camminato per oltre 3mila km e pedalato oltre 9mila, ha deciso di tornare in Italia per dedicarsi all’arte, ma è grazie alla sua esperienza che sviluppa una personalità forte e complessa e si avvicina a quegli elementi che saranno poi fondanti nelle sue poesie e canzoni come il surrealismo, il gioco sacro, la parola-terapia e il lavoro sull’anima tramite le potenze dell’arte. 

A vent'anni Gio scrive il suo libro d'esordio Il florilegio passato, una raccolta di poesie sul suo viaggio in India. Il libro è autoprodotto e viene distribuito dallo stesso autore per le strade in Italia. In seguito intraprende poi altri viaggi che lo portano a studiare e vivere con maestri e sciamani, dai quali riceve iniziazioni sciamaniche e attivazioni al mondo vibrazionale-terapeutico. Negli anni successivi nasce il suo progetto musicale Le scarpe del vento, con il quale inizia a esibirsi in Italia. Accompagnato dalla sua chitarra produce e distribuisce in maniera indipendente l’album Cranioterapia, cosi unico che è difficile attribuirgli una classificazione di genere. Successivamente dà vita a Gigantografie e Le poesie più piccole del mondo, due progetti nelle strade francesi che suscitano grande curiosità nel pubblico in quanto l’artista di strada utilizza i luoghi che visita come sue mostre non autorizzate. 

Gio pubblica poi il suo secondo libro Narcisuss e La bella maniera, suo primo romanzo; nel 2015 prende vita un ulteriore romanzo Oh issa - Salvo per un cielo, un’opera scritta e diretta autonomamente, caratterizzata da intrecci di parole e filosofie allegre, a cui segue poi il suo terzo libro con poesie metafisiche dal titolo Teorema di un salto. A distanza di un anno pubblica il suo quarto libro Passa a sorprendermi e presenta il suo nuovo spettacolo “Sorprendermi Tour“ con i quali riscuote grande successo, confermandosi come uno dei maggiori poeti contemporanei seguiti in Italia e conquistando un contratto di management offertogli dal romanziere Giuseppe Casa.  Nel 2017 pubblica un volume intitolato Capita a volte che ti penso sempre, testimonianza di tutta l’esperienza che l’artista poliedrico ha maturato, che dopo quattro giorni dall’uscita raggiunge la vetta nella categoria “poesia” su AmazonStore e in 9 mesi arriva alla quarta ristampa.

Nel 2018 arriva il singolo Pane in cassetta, il nuovo libro per Fabbri Ormai tra noi è tutto infinito. il doppio album Biglietto di solo ritorno (il brano A piedi il mondo conta più di un milione di ascolti su Spotify). Gio Evan oggi è conosciutissimo attraverso i social, le sue frasi sono scritte sui muri, incise sui banchi di scuola, sugli alberi e viaggiano condivise in rete.

Info: 330.259547, pacciudetie@gmail.com.

Clara Scarciglia

 


«Indietro
Vito Russo L'intervista della settimana
Vito Russo

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising