Sei in: Home»Comuni»Poggiardo

Ercole Maggio e i suoi campi sperimentali in un docu-film

[23/02/2018] POGGIARDO

Ercole Maggio e i suoi campi sperimentali in un docu-film

Ha preso il via la campagna di crowdfunding per finanziare la produzione e la diffusione di un lungometraggio dedicato al recupero delle antiche varietà di grano del Salento

 

Negli scorsi giorni "Produzioni dal basso" ha avviato una campagna di crowdfunding lanciata da Christian Manno, regista e ideatore dell'opera dedicata all'attività agricola del poggiardese Ercole Maggio (nella foto). Si chiamerà I campi sperimentali di Ercole Maggio e racconterà la particolare esperienza del giovane contadino salentino e della sua famiglia, impegnati nella ricerca di varietà di cereali un tempo tipiche del territorio e oggi scomparse. Un'idea partorita da Christian Manno, rimasto impressionato dal racconto di Maggio nel corso di un convegno tenutosi a Martignano; il regista ha così seguito l'attività del contadino poggiardese per tutto il 2017 e con il crowdfunding è alla ricerca delle risorse per consentire la pubblica diffusione del documentario.

Ercole Maggio ha iniziato questa particolare attività nell'ottobre 2012, selezionando dal grano acquistato in estate da contadini locali una particolare varietà presente in piccole quantità, la maiorca; considerando, poi, questa tipologia come una costante, ha ipotizzato che se la maiorca è presente in un dato campione, potrebbero essere presenti anche altri cereali. Con i suoi campi sperimentali, quindi, ha selezionato i grani spiga per spiga e in seguito, grazie alla collaborazione di anziani, agronomi e alla consultazione di trattati di agraria, è giunto finora all'individuazione di sei varietà di cereali: quattro di grano duro (saragolla, capinera, russarda e timilia) e due di grano tenero (maiorca e carosella). 

Ad oggi, quella di Maggio è una ricerca di base, perché ancora non sono note le proprietà di queste varietà; ha però notato, ad esempio, che la maiorca ha effetti diserbanti nei confronti delle erbe secche avversarie del grano, che la saragolla resiste nei terreni freddi e tufari e che la russarda è molto appetitosa per i passeri. "Ho iniziato questa attività solo per curiosità e ora racconto il nostro territorio attraverso cereali un tempo diffusissimi, varietà che parlano anche dei popoli che hanno attraversato il Salento. Riportare alla luce vecchie varietà di cereali, inoltre, significa anche richiamare la cultura e la tradizione contadina del passato e me ne accorgo quando mi confronto con gli anziani del nostro territorio". 

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Sergio De Donno L'intervista della settimana
Sergio De Donno

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising