Sei in: Home»Rubriche»Ci scrivono

Egregio direttore,

[04/10/2009] CI SCRIVONO

le scrivo da Scorrano e ho una grande passione: la caccia. Il motivo della mia lettera sono i tanti pregiudizi e le costanti critiche che questo sport incontra ultimamente. Non mancano mai, nel corso di telegiornali e altre trasmissioni televisive, gli accenni alla violenza di questo hobby, i riferimenti ai pericoli apportati dalle “doppiette pazze”, ecc. Mi sembra che spesso si esageri, forse più per un animalismo ed un ambientalismo di facciata che per reali convinzioni. Ormai è tanto di moda schierarsi, a parole, a favore della natura. Ma i cacciatori non sono dei nemici della natura, anzi la conoscono, sanno cosa è lecito e cosa non lo è. Se poi qualcuno non rispetta i limiti di legge, non per questo deve essere condannata tutta la categoria.
Premetto che sono fortemente contrario alle proposte di deregolamentazione della caccia ultimamente avanzate. È giusto che questo sport abbia dei limiti. Ciò che non è condivisibile, a mio parere, è la condanna assoluta dei cacciatori: non siamo degli assassini! Capisco che a qualcuno possa dar fastidio l’uccisione di selvaggina, ma allora perché non condannare altrettanto ferocemente la pesca, alla quale vengono dedicate vere e proprie trasmissioni? Le assicuro che soffrono molto di più i pesci, costretti ad agonizzare a lungo, che i tordi o le beccacce. Forse sarò di parte, ma odio l’intolleranza che circonda il mondo della caccia. L’arte venatoria è antichissima e nobile e fatta nei limiti prescritti dalla legge e dal buon senso, merita, se non condivisione, per lo meno rispetto.
Cordiali saluti.

 

Alessio Palumbo



«Indietro
Ilenia Costanza L'intervista della settimana
Ilenia Costanza

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising