Sei in: Home»Comuni»Poggiardo

Da "Orizzonti" un corso di italiano per stranieri

[11/01/2019] POGGIARDO

Da "Orizzonti" un corso di italiano per stranieri

L’idea è del presidente del sodalizio, il professore Paolo Rausa, che ha pensato di proporre nella sua città di origine un progetto già intrapreso a San Giuliano Milanese

 

La cultura come strumento di integrazione: Questa è una delle convinzioni del professore Paolo Rausa, originario di Poggiardo ma da anni residente a San Giuliano Milanese, dove da sette anni gestisce una scuola di italiano per stranieri, frequentata da circa 200 studenti. Una iniziativa che ora Rausa vuole portare proprio nella sua Poggiardo, con la speranza di coinvolgere anche tutto l’hinterland. Il docente ha già mosso i primi passi rivolgendosi al Comune, al quale in nome dell’Associazione Culturale “Orizzonti” di cui è presidente, ha richiesto ufficialmente il patrocinio e l’utilizzo di locali idonei. Inoltre, il professore ha anche avviato una serie di incontri con alcuni insegnanti al fine di poter già predisporre un corpo docenti. 

Negli auspici di Rausa, l’iniziativa dovrebbe partire entro la fine di gennaio; chiare anche le idee su come sarà strutturato il corso: lezioni sia diurne che serali, così da consentirne la frequenza a donne e lavoratori, e che si terranno due volte a settimana per circa un’ora e mezza; nelle intenzioni, poi, quella di suddividere il corso su tre livelli di conoscenza, cioè base, intermedio e avanzato. L’iniziativa punta, quindi, favorire l’integrazione degli stranieri nel nostro territorio, un obiettivo che vuole essere raggiunto nel modo più completo possibile: così, nel corso non verrà solo insegnata la nostra lingua, ma verranno diffuse anche nozioni di cultura generale italiana.

“Si tratta di una esperienza nuova -spiega Rausa- e per la quale attendiamo risposte sia dal Comune di Poggiardo, che dalle altre associazioni che abbiamo coinvolto. La realtà di San Giuliano Milanese è sicuramente diversa da quella di Poggiardo; si tratta di un aspetto di cui dovremo tenerne conto, ma siamo fiduciosi nell’avvio dell’iniziativa. Verremo incontro anche alle esigenze degli studenti, chiedendo solo una quota di iscrizione di 10 euro che servirà all’acquisto del libro di testo; per il resto, tutto il corso sarà gratuito, considerando anche il carattere volontario della nostra idea. Non saremo, però, solo docenti. Saremo pronti ad accogliere e ad aprirci a culture diverse dalla nostra, nonché a trasmettere quelle che sono le nostre cultura e conoscenza”. 

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Ilenia Costanza L'intervista della settimana
Ilenia Costanza

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising