Sei in: Home»Rubriche»Primo Piano

Ciao, TotÚ

[17/11/2017] PRIMO PIANO

Ciao, TotÚ

Il 14 novembre si è spento all'età di 64 anni l'assessore regionale al Welfare Salvatore Negro, stroncato da un male incurabile 

 

Il Salento in lutto per la scomparsa di Salvatore Negro. Nato nel gennaio del 1953 a Muro Leccese, Negro si era laureato in architettura e dal 1978 svolgeva con passione la professione di architetto. Pochi anni dopo comincia la sua ascesa politica nelle fila della Democrazia Cristiana. Agli inizi degli anni Ottanta viene eletto consigliere comunale della sua città, Muro Leccese. La giusta gavetta prima di approdare al ruolo di primo cittadino, nel 19995. Una guida sicura e attenta alle esigenze della propria comunità, premiata dalla riconferma nelle elezioni successive. Un doppio mandato da sindaco conclusosi nel 2004, anno in cui Negro rimane in Consiglio comunale nelle vesti di consigliere e contemporaneamente viene eletto consigliere provinciale, diventando ben presto vicepresidente della Provincia sino al 2009.

Nel 2010 avvia l’esperienza in Consiglio regionale con l’elezione nelle liste dell’Udc. Fino al termine della legislatura ha presieduto il gruppo consiliare, partecipando anche all’attività delle commissioni consiliari allo sviluppo economico ed ai servizi sociali. L’impegno in materia sociale è continuato nella decima legislatura regionale. Confermato nella circoscrizione di Lecce, nella lista “I Popolari”, ha assunto la responsabilità dell’Assessorato al Welfare, Benessere sociale e Pari opportunità nella Giunta Emiliano. Altri incarichi lo hanno visto componente del Consiglio dell’Ordine degli architetti di Lecce, di cui è stato vicepresidente dal 1989 al 1992, del Consiglio nazionale dell’Unione delle Province italiane (UPI) e del direttivo regionale dell’Associazione nazionale comuni italiani (ANCI). 

Nonostante l'aggravarsi delle sue condizioni fisiche, Negro ha portato avanti i propri impegni istituzionali fino alla fine, quando nelle ultime settimane era stato necessario il ricovero presso il “Vito Fazzi” di Lecce. La notizia della sua morte è arrivata nell'aula del Consiglio regionale poco prima dell'inizio dei lavori che sono stati prontamente interrotti e rimandati a venerdì 17. 

Tanti i messaggi di cordoglio arrivati da tutto l'arco istituzionale regionale. “La scomparsa di Totò Negro è un dolore immenso per me -ha commentato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano-. Ci ha lasciato un uomo onesto, generoso e competente, protagonista di tante battaglie a difesa della Puglia e dei pugliesi. Un compagno di lavoro straordinario, che ti entusiasmava. Soprattutto, aveva una sensibilità che gli consentiva di comprendere da Assessore al Welfare anche le situazioni più complicate”.

Il cordoglio arriva anche dal presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone: “Con Salvatore ho perso un amico sincero, un amministratore competente, un amante del territorio, una persona che ascoltavo e sentivo spesso, anche negli ultimi giorni, e che sino a che ha avuto la forza in questi giorni ha presenziato agli appuntamenti istituzionali, è intervenuto nei convegni sull'Assessorato di sua competenza, non ha lasciato niente di intentato”.

“Oggi la politica pugliese perde un uomo umile, concreto, disponibile, rispettoso -ha aggiunto il consigliere regionale Andrea Caroppo-. Al di là delle collocazioni politiche, Totò Negro è stato per me e sarà sempre un amico, un esempio di umiltà, di concretezza, di una disponibilità mai maliziosa né sbandierata, di rispetto anche per gli avversari: oggi la politica pugliese perde uno dei suoi amministratori migliori”. 

 

Alessio Quarta 



«Indietro
Maria Neve Arcuti L'intervista della settimana
Maria Neve Arcuti

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising