Sei in: Home»Comuni»Poggiardo

Ciao, Angelo

[12/01/2018] POGGIARDO

Ciao, Angelo

Grande cordoglio per la scomparsa, lo scorso 4 gennaio, del fotografo e attore Angelo Longo 

 

Fotografo, videomaker, attore teatrale. Una personalità eclettica quella di Angelo Longo, conosciutissima e stimata figura di Poggiardo scomparso improvvisamente lo scorso 4 gennaio a 54 anni. Un lutto anche per la redazione di Belpaese, dove Longo era approdato già nel 2002, anno della sua fondazione; il nostro ricco archivio fotografico è infatti soprattutto il frutto del lavoro da lui svolto presso la nostra testata. 

Titolare di un studio fotografico di Poggiardo, nel 1996 è stato uno dei fondatori della compagnia teatrale “Corte de’ Miracoli” di Maglie, e il teatro ha rappresentato una passione e una professione per Angelo. La sua improvvisa scomparsa è stata uno shock per la città, soprattutto per chi lo conosceva bene, come Tommaso Lezzi con cui ha condiviso numerose esperienze personali e professionali: “Conoscevo Angelo sin da bambino e non posso non ricordarlo come un gran lavoratore, un professionista dal quale ho imparato tanto. Abbiamo collaborato insieme per iniziative volte alla promozione di Poggiardo e Vaste e la sua esperienza mi ha aiutato molto per continuare su questa strada; anch’io mi sono avvicinato al mondo del teatro entrando a far parte della compagnia amatoriale ‘Attori per caso’ e oggi mi avvalgo dei suoi preziosi consigli ogni volta che salgo sul palco. Prima che un collega, però, ricorderò Angelo soprattutto come un amico”.

Tanti i rapporti di stima e amicizia nati nel mondo del giornalismo, tra cui quello con Giovanni Deodato Guida: “Ho appreso con grandissimo dispiacere dell’improvvisa scomparsa dell’amico e collega Angelo. Proprio alcuni giorni prima lo avevo incontrato a Poggiardo ed insieme ricordavamo il bellissimo periodo passato a Belpaese; era l’inizio di quella bella esperienza editoriale e si era creato un gruppo di amici con Massimo Giordano e altri colleghi, tra cui Salvatore Ciriolo, Maurizio Tarantino e Nunzio Pacella. Tanti ricordi mi legano ad Angelo, in particolare la nostra inchiesta sul depuratore consortile tra Diso e Ortelle e il nostro viaggio a Bari il 29 maggio del 2005, quando 200mila fedeli accolsero Papa Benedetto XVI: io e lui eravamo lì a documentare e raccontare quel bellissimo evento. Rimane il ricordo di un uomo giusto e buono, con tanta curiosità culturale e tanta voglia di interrogare ed interrogarsi sul senso delle cose e della vita”.

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Peppe L'intervista della settimana
Peppe "Pepperino" Leone

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising