Sei in: Home»Comuni»Poggiardo

Assistenza agli anziani, niente posti letto al Consorzio per i Servizi Sociali

[15/12/2017] POGGIARDO

Assistenza agli anziani, niente posti letto al Consorzio per i Servizi Sociali

Nessuna assegnazione per le residenze socio-sanitarie assistenziali dell’Ambito a causa della mancanza di requisiti e il Tar dà ragione alla Asl 

 

Il Consorzio per i Servizi Sociali dell’Ambito di Poggiardo non dispone di posti letto in Rssa, cioè residenza socio-sanitaria assistenziale per anziani. Eppure si tratta di un’opportunità prevista dalla legge e concretizzatasi lo scorso marzo con un avviso pubblico dell’Asl, volto ad accogliere le manifestazioni d’interesse per l’assegnazione di 39 posti letto suddivisi tra gli ambiti di Martano, Nardò e, appunto, Poggiardo. A quest’ultimo erano stati assegnati 11 posti letto, ma al momento della pubblicazione dell’avviso nessuna delle tre strutture che aveva a disposizione era ancora stata accreditata, e così l’Asl ha deciso di offrire gli 11 posti letto agli ambiti di Gagliano, Maglie e Casarano. Dopo il danno, però, è arrivata la beffa, perché nel frattempo una delle strutture del distretto poggiardese, con sede a San Cassiano, ha ottenuto l’autorizzazione, ma i termini erano ormai scaduti. 

Il Consorzio per il Servizi Sociali dell’Ambito di Poggiardo ha così impugnato l’avviso pubblico dell’Asl al Tar di Lecce, il quale però ha dato ragione all’Azienda sanitaria. Come affermato dai giudici, infatti, i posti letto vengono assegnati alle Rssa presenti nei distretti carenti, in via sì prioritaria, ma non esclusiva; inoltre, l’Asl, sempre secondo quanto espresso dal Tar, in caso di assenza di richieste può, in seconda istanza, acquisire le manifestazioni d’interesse delle strutture che sorgono nel territorio degli ambiti più vicini; infine, i giudici hanno escluso l’obbligo per l’Asl di riproporre la procedura di assegnazione ogni mese, perché si correrebbe il rischio di una grave carenza assistenziale.

Ad ogni modo, i giudici hanno lasciato una porta aperta all’ambito di Poggiardo riconoscendo lo squilibrio creatasi in seguito alla procedura e assegnando proprio all’Asl il compito di trovarne il rimedio. Il territorio compreso nel Consorzio per i Servizi Sociali di Poggiardo conta una popolazione di ben 47mila abitanti circa, un bacino di utenza importante che ora rischia, come ha denunciato il presidente del consorzio Rossano Corvaglia, di non poter usufruire della copertura della retta corrispondente a 3mila euro mensili. Ad oggi, quindi, l’Ambito di Poggiardo ha di fronte due strade per eliminare questo squilibrio: contestare il Tar e rivolgersi al Consiglio di Stato o, al contrario, trovare un accordo con l’Asl come previsto dagli stessi giudici.

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
RafQu L'intervista della settimana
RafQu

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising