Sei in: Home»Comuni»Poggiardo

Alberto Diso e i suoi fiori vagabondi

[25/01/2019] POGGIARDO

Alberto Diso e i suoi fiori vagabondi

In occasione del Giorno della Memoria il Teatro Illiria ospiterà la presentazione del libro dello scrittore pugliese che racconta la storia di una vittima dell’olocausto 

 

Il campo di concentramento olandese di Westerbork è l’elemento centrale dell’ultimo libro di Alberto Diso, “I fiori vagabondi”; il volume sarà il protagonista della serata che si terrà domenica 27 gennaio, alle ore 17.30, presso il Teatro Illiria di Poggiardo. L’evento è stato organizzato dal Comune di Poggiardo in occasione del Giorno della Memoria, inserendo nel programma, su richiesta dello stesso autore, alcuni particolari momenti artistici con protagonisti la ballerina Fabiana Serrone, la cantante Anna Sabato, il chitarrista Luigi Cerfeda e l’autrice Mirella Corvaglia.

Il racconto si sviluppa sulla storia di una donna tenuta prigioniera a Westerbork, un campo di concentramento atipico perché aveva una inquietante funzione di attesa: l’attesa della morte, del dolore, dell’ignoto; dai campi come quello olandese, infatti, gli ebrei venivano smistati in quelli dove, prima o poi, avrebbero finito i loro giorni; da lì, i condannati partivano per il loro consapevole e drammatico destino. La storia descritta da Diso, però, ha anche altri obiettivi più profondi, come quello di evidenziare la differenza tra bene e male. Un messaggio rivolto soprattutto ai più giovani, come spiega lo stesso Alberto Diso: “Oggigiorno si assiste ad un principio di nazismo molto sottolineato nelle giovani generazioni; una situazione che si può spiegare con la loro scarsa conoscenza di ciò che era e di ciò che ha fatto il nazismo. Il compito di un autore, tra l’altro, è quello di mettere in evidenza tutto ciò che non va nella società contemporanea, e ho cercato di assolvere a questa funzione attraverso il racconto contenuto nel volume”. 

Tantissimi gli altri spunti di riflessione dell’opera di Diso, all’interno della quale si può individuare una contrapposizione tra vita e morte, tra eros e thanatos, oltre a importanti messaggi rivolti ai più giovani: la storia, infatti, presenta riferimenti al bullismo e a tante deturpazioni mentali della società contemporanea. Infine, Diso inserisce anche importanti aspetti squisitamente storici, come il ruolo dell'Olanda in qual drammatico periodo storico. Un’opera che porta a riflessioni profonde e che vuole sollevare l’attenzione dei più giovani, in una serata che, tra l’altro, rappresenterà l’unica data pugliese del lungo calendario di presentazione del volume di Diso.

 

Alessandro Chizzini 



«Indietro
Ambra Mongị L'intervista della settimana
Ambra Mongị

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising