Sei in: Home»Live»Spettacoli

"Quegli strani amici di famiglia", c' il Salento dentro

[12/01/2018] SPETTACOLI

"Quegli strani amici di famiglia", c' il Salento dentro

Dal tragico al comico, tutto in una serata. Al Ducale di Cavallino il salentinissimo spettacolo di Carla Guido, Fabrizio Saccomanno e Massimo Giordano 

 

Sabato 13 gennaio (ingresso alle 20, inizio spettacolo alle 20.30) si alza il sipario del Teatro Ducale di Cavallino su Quegli strani amici di famiglia. Tre piccoli monologhi ed una pièce, tutti in dialetto salentino e tutti assemblati in un unico spettacolo. Nei tre racconti, basati su fatti realmente accaduti, l’espressione “liberamente ispirato a” diviene la clausola liberatoria della creatività drammaturgica e attoriale. Ruotando intorno al tema della famiglia e delle sue varie e alterne vicissitudini, lo spettacolo accompagna lo spettatore in un viaggio che si snoda lungo il doppio sentiero del dramma e della comicità, come si confà alla migliore commedia degli equivoci. La scelta, infatti, di far stemperare l’esilarante vicenda dell’ultimo pezzo in un profondo mood salentino, dai colori vivacissimi e speziati, costituisce il volano a possibilità espressive inesplorate, che si elevano a potenza della comicità. 

Ciascuno dei tre monologhi si trasforma dunque in un importante spunto di riflessione, recando ben impresso il segno, e la firma, di ciascuno dei tre interpreti: Carla Guido, Fabrizio Saccomanno e Massimo Giordano. Tre nomi noti delle scene teatrali locali e nazionali che qui, gomito a gomito, proseguono la loro fattiva collaborazione avviata anni addietro, apportando il loro personale e unico tocco professionale e umano. Carla Guido, l’amata attrice e cantante lirica originaria di Melendugno, insieme a Fabrizio Saccomanno, l’attore, regista, drammaturgo e pedagogo teatrale originario di Galatina, e all’attore e regista magliese Massimo Giordano, arrivano a parlare direttamente al cuore dello spettatore utilizzando la forza e il carattere immaginifico del dialetto salentino per una mise-en-scène che, alternando i toni drammatici e quelli più leggeri, si presenta come una ventata di novità. 

Quegli strani amici di famiglia si presenta quindi come un piccolo gioiello dell’arte teatrale, che si staglia luminoso e bello su uno sfondo che guarda al Salento, e a chiunque se lo porta dentro sempre, quale paradigma di una più alta riflessione universale. Info: 331.6393549. 

 

Claudia Mangione 



«Indietro
Maurizio Petrelli L'intervista della settimana
Maurizio Petrelli

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising