Sei in: Home»Comuni»Maglie

"Pił gli altri tagliano, pił noi piantiamo"

[13/09/2019] MAGLIE

"Pił gli altri tagliano, pił noi piantiamo"

È questo il motto di un gruppo di volontari che sabato scorso ha interrato varie specie di alberi nella rotonda della zona industriale, nei pressi del ponte sulla ferrovia 

 

Da oltre un anno a questa parte un gruppo sempre più numeroso di cittadini magliesi si incontra periodicamente per piantare alberi, fiori e garantirne la successiva manutenzione. Il gruppo è nato quasi spontaneamente, grazie ad una condivisione di intenti che ha visto mano mano sempre più coinvolti membri di associazioni locali del “Gruppo di Acquisto Solidale”, della “Biblioteca di Sarajevo” e “Ambientalisti Anonimi” ai quali si sono uniti semplici cittadini con l’intento, come ricorda Oreste Caroppo, uno degli animatori del gruppo insieme a Roberto Aloisio, Fabrizio Cambò e la professoressa Tina Cesari, di “attuare un concetto pieno di biodiversità, immaginando anche la città intera come un orto botanico diffuso, senza particolari distinzioni tra spazi privati e spazi pubblici, dove i ragazzi possano scoprire le varie specie che sono fonte di curiosità scientifica, nonché di ispirazione artistica. Ci organizziamo in vari modi per riprodurre le piante, comprarle (o recuperarle se presenti nei vivai della Forestale) e poi piantarle. E senza ‘razzismi’ nei riguardi delle specie: amiamo le autoctone, ma anche quelle esotiche che hanno mostrato di gradire il nostro territorio”. 

L’attività di piantumazione è iniziata nel settembre 2018 in una villetta nei pressi della scuola elementare, mentre a gennaio scorso è stato fatto un intervento nelle aiuole di via Nicola Ferramosca di fronte al supermercato e nelle vicinanze della tribuna est del campo sportivo. L’ultimo intervento in ordine di tempo risale a sabato 7 settembre, quando una quarantina di volontari hanno interrato nella zona industriale di Maglie (nei pressi del ponte sulla ferrovia) piante di gelso, cipresso, querce, olivastro, melograno, oltra a fichi d’india posti sul perimetro. Il tutto con il benestare dell’Amministrazione comunale, sempre informata preventivamente di queste iniziative e spesso presente con i propri assessori o consiglieri a dare una mano ai volontari. Il prossimo obiettivo? Un intervento di piantumazione nella rotatoria sulla strada per Scorrano, in programma a novembre. 

Piantare però non è sufficiente: come ci ricorda Roberto Aloisio, ingegnere presso l’ufficio tecnico del Comune di Otranto, “fondamentale è la manutenzione, soprattutto nel primo anno di vita del giovane albero. Occorre porre delle pietre intorno allo stesso per proteggerlo dagli sfalci e innaffiarlo spesso. Per questo occorre l’impegno di tutti”. 



«Indietro
Salvatore Patisso L'intervista della settimana
Salvatore Patisso

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising