Sei in: Home»Comuni»Casarano

"Ferrari", ospedale virtuoso

[10/01/2020] CASARANO

"Ferrari", ospedale virtuoso

In base ai dati diffusi dalla Asl di Lecce, con un passivo di 4 milioni di euro il nosocomio di Casarano risulta essere quello che causa alla stessa minori perdite finanziarie rispetto agli altri 

 

In questi giorni sono stati pubblicati i dati dei bilanci triennali 2020-2022 dell’Asl per gli ospedali della provincia di Lecce e, inevitabilmente, si sono riaccesi i riflettori su Casarano. La notizia generale è che gli ospedali causano una perdita complessiva di 62 milioni di euro con il “Vito Fazzi” al primo posto, anche per le sue dimensioni. I 251 milioni impegnati per il personale rappresentano il costo maggiore nella voce uscite. La notizia circoscritta al territorio casaranese è data dal fatto che il “Ferrari”, a ben vedere, è il nosocomio con meno perdite, sia in valore assoluto che relativo. Il passivo segnala 4 milioni di euro, a fronte dei quasi 10 di Copertino e Galatina, dei 24 di Lecce, dei quasi 8 di Gallipoli e Scorrano. Chi ha difeso il “Ferrari” in questi anni, contro il declassamento si è sentito in dovere di alzare la voce e di manifestare tutta la sua contrarietà. La situazione acquista ancora più valore dal momento che siamo a pochi mesi dalle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale.

È il caso del sindaco Gianni Stefano che ha puntato, senza mezzi termini, il dito contro il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: “Per il presidente della Regione sono maturi i tempi per raccogliere i frutti” è l’espressione con cui ha concluso il suo intervento sul suo profilo Facebook in cui, a fianco ai bilanci, ha scritto: “Ancora una volta i numeri danno ragione al nostro ospedale e torto al presidente Emiliano che ha voluto il suo declassamento. Il Ferrari ha performance superiori agli ospedali di primo livello”.

Sulla vicenda è intervenuto anche Claudio Casciaro, presidente del comitato sorto in difesa dell’ospedale, che ha ribadito “che la storia del nostro presidio è fatta di eccellenze e di impegno” e ha sottolineato i reparti “sottratti” come quello di Chirurgia pediatrica, “punto di riferimento interprovinciale”. Casciaro ha continuato augurandosi che “si metta fine allo “scellerato percorso di smantellamento, che si riapra un dibattito con il Ministero della Salute e si concluda la grottesca e inaccettabile vicenda della pausa forzata nella costruzione della quarta torre”. Sulla stessa lunghezza d’onda erano state le parole del consigliere regionale dei 5 Stelle, Antonio Trevisi, durante la sua visita al Ferrari di fine anno. Trevisi, inoltre, aveva lanciato l’idea di “unità tra Casarano e Gallipoli come unico ospedale di primo livello”.

 

Marco De Matteis 



«Indietro
Pino Ingrosso L'intervista della settimana
Pino Ingrosso

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising