Sei in: Home»Comuni»Lecce

"Chiedo agli Usa un visto umanitario per mia sorella": l'appello della madre di Giorgia Pagano

[29/05/2020] LECCE

"Chiedo agli Usa un visto umanitario per mia sorella": l'appello della madre di Giorgia Pagano

“Da italiana chiedo aiuto al mio Paese, io così non posso più andare avanti”: è il grido che arriva da oltre 7mila chilometri di distanza dall’Italia. Il sito web della trasmissione di Italia 1 “Le Iene” ha ospitato nei giorni scorsi l’intervista a Elisa Pagano, che da circa cinque anni vive da sola negli Stati Uniti per assistere sua figlia Giorgia (nella foto) di 11 anni affetta dalla sindrome di Berdon, una malattia rara che blocca completamente l’apparato digerente e impedisce la nutrizione. “Purtroppo non esistono cure e i bambini muoiono durante il parto o nel primo anno di vita. Giorgia è speciale anche in questo perché lei oggi ha 11 anni e metà della sua vita l’ha passata dall’altra parte del mondo proprio per trovare una cura”, ha dichiarato la madre. 

La storia di Giorgia dato il via ad una campagna di solidarietà che ha visto protagonista la “Stellina di Berdon Onlus”, associazione nata per raccogliere i fondi utili per garantire le cure necessarie alla bambina, con oltre 400mila euro donati da tantissime persone. Dal 2015 Elisa, la sua bimba e l’altro suo figlio di 16 anni si trovano dunque negli Stati Uniti a Pittsburgh, dove circa 6 mesi fa la bambina è stata sottoposta ad un intervento chirurgico di sostituzione dell’intestino, in seguito al quale è venuta fuori una serie di gravi problemi di salute. 

Nonostante la determinazione e l’amore per la figlia, dopo cinque anni da sola dall’altra parte del mondo, Elisa ha i primi cedimenti ed è il motivo principale per cui ha lanciato il suo appello: “Sono stanca, chiedo il vostro aiuto perché non ce la faccio più. Ho bisogno dell’aiuto di mia sorella che è pronta a sottoporsi al tampone prima di partire e qui resterà in quarantena per evitare rischi che con Giorgia non possiamo correre. Per farla arrivare dall’Italia un mese fa ho chiesto all’ambasciata americana un visto umanitario, ma ancora oggi nessuno mi ha risposto, da italiana chiedo aiuto al mio Paese”. 



«Indietro
Giorgia Faraone L'intervista della settimana
Giorgia Faraone

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising