Sei in: Home»Live»Spettacoli

"C'Ť Vuccirža", il viaggio vocale dei SeiOttavi

[20/04/2018] SPETTACOLI

"C'Ť Vuccirža", il viaggio vocale dei SeiOttavi

Per la chiusura della Stagione Concertistica della Camerata Musicale Salentina va in scena la grande tradizione italiana dell’Opera 

 

Ultimo appuntamento con i concerti serali della 48esima Stagione Concertistica della Camerata Musicale Salentina, fondata nel 1970 dal maestro Carlo Vitale. La chiusura, fissata per venerdì 27 aprile al Teatro Paisiello, è affidata all’ensemble vocale a cappella SeiOttavi, in scena con lo spettacolo C’è Vuccirìa, un’opera vocale surreale che nasce intorno all’idea del mercato, inteso come luogo di scambio, luogo di esperienze, luogo di avvenimenti, di espressione artistica in cui realtà molto diverse e spesso stridenti convivono. 

Reso celebre in tutto il mondo dal quadro di Renato Guttuso il mercato della Vuccirìa è, infatti, considerato ancora oggi da molti palermitani il vero cuore pulsante della città e per il sestetto vocale dei SeiOttavi esso diventa, nella sua intrinseca poliedricità, modello archetipico di multiculturalità. Un luogo magico in cui tutto è possibile, in cui gli opposti convivono: l’antico col nuovo, il sacro col profano, il casto col licenzioso, il reale col fantastico. Nato come un pluripremiato cortometraggio musicale, a cui ha fatto seguito un disco omonimo, il loro concerto incanta gli spettatori, conducendoli in un mondo che affonda le sue radici nella tradizione italiana più conosciuta, cioè l’Opera, intesa non solo sotto il profilo musicale, ma anche come commistione di musica, costumi e colori. 

Formati da Germana Di Cara, soprano, Alice Sparti, contralto, Ernesto Marciante, tenore, Kristian Andrew Thomas Cipolla, tenore, Vincenzo Gannuscio, baritono, Massimo Sigillò Massara, basso, i SeiOttavi sono protagonisti di un racconto in cui si mescolano realtà e fantasia, musica e immagini, attraverso la scomposizione e ricomposizione di frammenti sonori. I brani sono originali o rivisitazioni di alcuni classici dal repertorio dei Manhattan Transfer, Swingle Singers, di Brahms e Mozart, arrangiati a sei voci reali. Il repertorio si sposta poi verso suoni moderni e ammiccanti, contemporanei e persino ballabili, in un’alchimia di voci che sviluppano ed esplorano sonorità nuove. 

I biglietti in prevendita sono disponibili presso la sede della Camerata Musicale Salentina, il Castello Carlo V e nei punti vendita del circuito BookingShow. 

 

Claudia Mangione 



«Indietro
RafQu L'intervista della settimana
RafQu

Web Agency Lecce sciroccomultimedia Posizionamento sui motori di ricerca webrising